Seguici
Su di noi

Dopo 6 anni nel settore della promozione territoriale online e dopo essere divenuti il punto di riferimento per chi desidera conoscere gli eventi della città, abbiamo accolto il bisogno dei viaggiatori e creato una piattaforma appositamente studiata per loro. Non solo in italiano, ma disponibile in altre sei lingue: inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo e giapponese. E presto molte altre.

Made It srl.
P.iva: 08846661216
Viale Antonio Gramsci, 11 – Napoli (80122)

Disponibile su Google Play
  • No products in the cart.
HomeCosa fareVisitare Napoli in un giorno

Visitare Napoli in un giorno

Napoli dall'alto

Un itinerario per scoprire il centro storico di Napoli, e non solo, con passeggiate e panorami mozzafiato.

L’itinerario che conduce nel cuore della Napoli antica parte da un luogo molto suggestivo, la collina del Vomero, e catapulta il turista nel pieno del centro cittadino attraverso le storiche Scale della Pedamentina.

È uno dei percorsi più particolari che si possono fare in città in un giorno solo perché inizia dall’alto, consentendo di ammirare il centro di Napoli da una prospettiva d’eccezione, e conduce nel pieno dei vicoli e delle strade principali dei luoghi più antichi di Partenope.

Si possono ammirare le botteghe dei presepai, il Teatro più antico d’Europa, i castelli, le vie dello shopping e molto altro.

Di seguito, tutti i dettagli di questo splendido itinerario.

1

Una passeggiata che parte dall’alto

dal Vomero al centro storico con la Pedamentina

Questo suggestivo itinerario inizia dalla parte alta del Vomero. Per raggiungerla, partendo da Piazza Garibaldi, basterà usare la metro linea 1 per scendere alla fermata Vanvitelli, in una delle piazze più frequentate dell’elegante quartiere, e fare una breve passeggiata a piedi lungo via Scarlatti fino a via Morghen. Qui si trovano le scale, anche mobili, che conducono nella zona ancora più alta fino al Largo San Martino dove si gode della vista più completa ed affascinante sul centro antico di Napoli. Lo sguardo segue tutta Spaccanapoli e si allarga, con un panorama che offre scorci indimenticabili, arrivando anche fino al mare. A San Martino ci sono l’omonima Certosa, uno degli esempi più belli del Barocco napoletano, ed il Castel Sant’Elmo con la sua terrazza d’armi.

Da questo slargo partono la Scale della Pedamentina, uno degli antichi percorsi pedonali di Napoli che congiungono la parte alta con quella bassa della città. Potete iniziare una bella e piacevole passeggiata percorrendo i 414 gradini che arrivano al Corso Vittorio Emanuele, costeggiando gli orti e i giardini della Certosa che si dipanano lungo la collina. Una volta giunti al Corso, dove le scale sembrano interrompersi, è sufficiente incamminarsi verso sinistra e dopo pochi minuti si troveranno sulla destra le Scale Montesanto che arrivano nei pressi dell’omonima stazione della Funicolare, in pieno centro antico.

Pedamentina a Napoli

2

Nel cuore pulsante di Napoli

alla fine delle scale, un tuffo nella Pignasecca fino alla Galleria Umberto I, passando per via Toledo

Giunti a destinazione, dalla zona della stazione Montesanto potrete raggiungere la famosa via Toledo attraversando la caratteristica Pignasecca. Questa è una strada davvero folcloristica, con un colorato mercatino ricco di bancarelle con pesce, frutta, vestiario, cd e tanto altro, che spesso sono un irraggiamento delle botteghe e dei negozietti che si trovano su strada. Percorrendola tutta si sbuca in Piazza Salvo d’Acquisto, più nota come Piazza Carità, che immette direttamente su via Toledo, una delle famose strade dello shopping cittadino. Troverete negozi di abbigliamento, di telefonia, di orologi, la celebre bottega di ombrelli artigianali di Talarico, bar e l’imperdibile Stazione dell’Arte Toledo. È stata considerata la più bella d’Europa con le sue decine di varietà di azzurro, il lungo cono che arriva in profondità sotto il livello del mare ed i mosaici di Kentridge.
Verso la fine di via Toledo ci si imbatte nella Galleria Umberto I, una tappa obbligata non solo perché è un’affascinante struttura monumentale in stile Liberty, ma anche perché ricca di negozi come il prestigioso Barbaro.

Via Toledo a Napoli

3

Uno sguardo al Teatro più antico d’Europa

dal Teatro San Carlo a Piazza del Plebiscito, con pausa caffè al famoso Gambrinus

Uscendo dalla Galleria Umberto I e tornando nuovamente su via Toledo, che lungo il percorso costeggia i tipici Quartieri Spagnoli, un dedalo di intricate stradine in salita dove vive la parte più verace di Napoli, si arriva in pochi minuti in Piazza Trieste e Trento. Da qui si può ammirare anche un lato del prestigioso Teatro San Carlo, il cosiddetto Massimo Napoletano e teatro più antico d’Europa, dove ogni anno vengono messi in scena spettacoli importanti e si svolgono concerti e opere famose. Questa è anche la zona giusta per una pausa caffè nel celebre Caffè Gambrinus, storico bar di Napoli in stile Liberty arredato con opere e statue dell’800, oppure al Caffè del Professore.
Dopo il rilassante break caffè, potrete arrivare nell’adiacente Piazza del Plebiscito, una delle piazze più importanti di Napoli ed anche un simbolo della città nel mondo. L’impatto visivo è indimenticabile e su uno dei lati si trova il Palazzo Reale, mentre di fronte c’è la grande Basilica di San Francesco da Paola.

Teatro San Carlo a Napoli

4

Arrivo nella nuova Piazza Municipio

prima di rientrare in metro, impossibile perdere il bellissimo Maschio Angioino

Ritornando su Piazza Trieste e Trento e imboccando via San Carlo, potrete vedere più da vicino l’omonimo Teatro arrivando in Piazza Municipio, dove sorge appunto il Municipio di Napoli e vi è la bellissima Fontana di Nettuno. Attraversando la piazza arriverete al Castel Nuovo o Maschio Angioino, castello medievale e rinascimentale, anch’esso simbolo della città e che regna su tutta la piazza. Dopo questa passeggiata, si può prendere la metropolitana in Piazza Municipio e scendere in Piazza Dante per continuare con la visita nel centro storico.

Piazza Municipio a Napoli

5

Tra antichi scavi e storiche chiese monumentali

la passeggiata prosegue tra le piazze e le chiese più importanti di Napoli

Da Piazza Dante, con la statua dell’omonimo poeta, è sufficiente attraversare l’arco di Port’Alba, una delle antiche vie di accesso alla città, per ritrovarsi in Piazza Bellini con il piccolo angolo di scavi greco-romani. Scendendo per via San Sebastiano, con i tanti negozi di strumenti musicali, si arriva al Complesso di Santa Chiara, con il suo bellissimo Chiostro Maiolicato. A poca distanza sorge Piazza del Gesù Nuovo con l’obelisco dell’Immacolata. Impossibile non visitare la Chiesa del Gesù, i cui interni sono uno dei più importanti esempi di barocco a Napoli. Ritornando verso Santa Chiara e proseguendo si arriverà in Piazza San Domenico Maggiore con l’omonima Basilica. Una visita che consigliamo in questo percorso è quella al vicino celebre Cristo Velato, famoso in tutto il mondo per la sua straordinarietà, sito nel Palazzo Sansevero con tante altre opere d’arte imperdibili.
Inoltre, lungo tutto questo percorso ci sono tante rosticcerie, bar e pizzerie per un pranzo veloce.

Vista dall'alto della Chiesa di Santa Chiara a Napoli

6

Nella via dei presepi famosa in tutto il mondo

da San Gregorio Armano al monumentale Duomo

Il percorso da Piazza del Gesù a Piazza San Domenico Maggiore si trova lungo la famosa Spaccanapoli e, proseguendo dalla seconda piazza su via San Biagio dei Librai (Decumano Inferiore) si incrocerà la via dei Presepi San Gregorio Armeno. D’obbligo un giro tra le botteghe artigiane con i pastori fatti a mano prima di sbucare su via dei Tribunali, che corrisponde al Decumano Maggiore. Su questa strada ci sono il Conservatorio di San Pietro a Majella, Napoli Sotterranea, la Chiesa di San Paolo Maggiore e la Basilica di San Lorenzo. Proseguendo si incrocia via Duomo, strada ricca di musei che prende il nome proprio dal Duomo, al cui interno c’è anche un antico battistero paleocristiano. Se si ha tempo, si può visitare l’adiacente Museo del Tesoro di San Gennaro. Per concludere il tour si può facilmente ritornare in Piazza Garibaldi con la metropolitana da Piazza Cavour.

Via San Gregorio Armeno a Napoli