Sanremo 2023, Mare Fuori: i ragazzi salgono sul palco, il video

sanremo-2023-mare-fuori

Sanremo 2023 diventa palcoscenico per una delle fiction più vista degli ultimi anni: Mare Fuori, che è arrivata da poco con i primi episodi della terza stagione (presto gli ultimi episodi finali) in esclusiva Rai Play.

I ragazzi, come già annunciato, hanno cantato la sigla della serie tv “O Mar For” che ha contribuito al grande successo. Questa canzone, fatto curioso, è cantata da un artista che è anche attore, molto importante, della fiction. Stiamo parlando di Edoardo (Mattei Paolillo) che nel mondo della musica si fa chiamare Icaro.

Ed è proprio lui, il personaggio di Edoardo, vestito in smoking a fare il primo ingresso cantando sul palco del Festival di Sanremo 2023. Successivamente sono entrati gli altri ragazzi del cast della serie.

L’imbarazzo di Carolina Crescentini

Seguito poi dalla famosa Carolina Crescentini che entra per scendere le scale dell’Ariston, ma evidentemente ha sbagliato i tempi perché Amadeus non nota la sua presenza e l’attrice quindi va via per poi tornare successivamente quando il presentatore la chiama.

I ragazzi di Mare Fuori presenti a Sanremo 2023

Sul palco dell’Ariston sono saliti:

  • Nicolas Maupas, che interpreta Filippo “O Chiattill”
  • Valentina Romani, che interpreta Naditza
  • Giacomo Giorgio, che interpreta Ciro Ricci
  • Matteo Paolillo, che interpreta Edoardo
  • Massimiliano Caiazzo, che interpreta Carmine Di Salvo
  • Artem, che interpreta Pino
  • Carolina Crescentini, che interpreta Paola Vinci
  • Serena de Ferrari, che interpreta Viola Torri
  • Desirée Popper, che interpreta Consuelo Gomes
  • Domenico Cuomo, che interpreta Gianni Cardiotrap
  • Kyshan Wilson, che interpreta Kubra

Cosa hanno fatto a Sanremo 2023? Cantato la sigla di Mare Fuori, ecco il testo

Hanno cantato la canzona della sigla “O Mar For”, capitanati da Matteo Paolillo, ecco il testo:

Appicc n’ata sigarett
Allà c sta mammà ch chiagn e nun da rett
Cu sta fatic mo c’accattamm pur a Regg e Casert
So crisciut miezz a vie, o sacc chell che m’aspett
Nu guaglion ro sistema, mo vo sistemà tutt cos
Miezz a vie e megl a ten e fierr o a vennr e ros

Patm sta carcerat, so l’omm e cas
Lievc e man a cuoll ca chill m’è frat
E m fa mal o cor o sai pur tu (pur tu)
Non c vac a scol, no, ma nun ca vac chiù
M’acchiappn a Gaiol cu nu chil e fumm
Mar mo sta for, nun m pozz vere chiù

Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Ricn ca mill culur
Agg vist’o sul o grig (nanananana)
Nto cortil e guaglion
S fann n’ata strisc
Tutt e juorn ugual vogl asci (vogl asci)
O mor ca dint o mor acciso
A cap m fa mal, n’arriv a capì
Si so nat cca, qual è a colpa mia?
Mann mis o fierr n’man e mann itt “spar”
Napl a ca dind par assai luntana
Tutt e juorn pens “c’agg fatt e mal?”
Tutt e juorn, tutt e juorn pens’o mar (pens’o mar)

Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Traduzione del testo della sigla di Mare Fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Dicono abbia mille colori
Ho visto solo il grigiore (nanananana)
Nel cortile i ragazzi
Si fanno un’altra striscia

Tutti i giorni uguali, voglio uscire (voglio uscire)
O muoio qua dentro, o muoio ucciso
La testa mi fa male, non arriva a comprendere
Se sono nato qua, qual è la mia colpa?
Mi hanno messo in mano la pistola e mi hanno detto “spara”!
Napoli qua dentro sembra molto lontana
Tutti i giorni penso “che ho fatto di male?”
Tutti i giorni penso al mare (penso al mare)

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Altre informazioni su Mare Fuori

In questo articolo:
Seguici su Telegram
Scritto da Andrea Navarro
Fonte immagine: profilo Instagram @massicaiazzo
Parliamo di: , ,
Potrebbero interessarti