HomeEventiHalloween a NapoliRicette di Halloween Napoletane: la festa americana incontra le tradizioni partenopee

Ricette di Halloween Napoletane: la festa americana incontra le tradizioni partenopee

Ricette di Halloween Napoletane

Originali e gustose ricette di Halloween Napoletane: dolcetti, spuntini, salsa e cocktail spaventosi che richiamano le nostre leggende e tradizioni, dal Munaciello a San Gennaro.

Halloween è una festa celtica divenuta da tempo tipicamente americana, ma ormai è celebrata in quasi tutto il mondo e Napoli non fa eccezione. Una delle cose che caratterizzano questa festività è sicuramente il cibo spettrale e macabro, ma cosa accadrebbe se i tratti statunitensi di Halloween incontrassero in cucina le tradizioni e le leggende napoletane?

La risposta è semplice: nascerebbero ricette molto originali, dall’aspetto spaventoso, realizzate con i prodotti tipici della tradizione partenopea. Dolcetti, cocktail, salse e spuntini che richiamano i miti partenopei, ma che al contempo sono paurosi come ogni menu di Halloween che si rispetti.

Ecco le nostre orginalissime ricette molto facili da preparare a casa!

1

Capuzzelle di torrone al cioccolato

Il torrone, un dolce tipico napoletano, in versione “mini” per richiamare il famoso Cimitero delle Fontanelle.
N° Persone: 4/6
Preparazione: 10 min.
Cottura: 2/3 min.
Difficoltà: alta

Dal gusto unico e inconfondibile, il cioccolato caratterizza un dolce tipico napoletano, gustato nel mese in cui si onorano i morti: il torrone. In questo nostro speciale, prepareremo le Capuzzelle di torrone al cioccolato.
Il dolce che vi proponiamo è dedicato ad una ricetta della tradizione napoletana, “Il salame dei morti”, ma soprattutto ricorda tutti i defunti.

In tempi antichi, con uno speciale rito di offerta di pietanze tradizionali, i napoletani si assicuravano l’anima “comprando” uno spazio in una delle catacombe più famose di Napoli, il Cimitero dell Fontanelle.  Nel quindicesimo secolo, infatti, nella città partenopea ci si comprava la protezione del proprio il teschio facendolo seppellire in questo luogo, tuttora sito archeologico caratteristico che consigliamo di visitare, magari mangiando qualche dolcetto a tema.

Ingredienti

  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 200 gr di cioccolato al latte o bianco
  • 20 ml panna da montare non zuccherata
  • 50 gr di nocciole intere

Prepariamo il ripieno

Innanzitutto, per preparare questi golosi cioccolatini dovrete procurarvi degli stampi in acetato o silicone che riproducano dei teschi. Cominciate preparando il cioccolato che farà da ripieno sciogliendo a bagnomaria il cioccolato a latte (potrete scegliere anche quello bianco, se lo preferite) arricchendolo delle nocciole tostate e tritate per bene. Poi aggiungete la panna a temperatura ambiente. Lavorate il composto finché non diventa leggermente malleabile e morbido e tenetelo da parte.

Prepariamo l’involucro di cioccolato

Dopo aver tagliuzzato il cioccolato fondente, fatene sciogliere le scaglie a bagnomaria. Lavoratelo con l’uso di una spatola e colatelo nello stampo di silicone,attendendo qualche minuto prima di colare un altro strato di fondente. Poi sarà la volta della pasta di cioccolato al latte e nocciole preparata in precedenza. Come ultimo passaggio, dopo aver aspettato che il tutto si indurisca all’aria, fate uno strato sottile di cioccolato fondente con il cioccolato rimasto sulla base del cioccolatini per “sigillarli”. Fateli indurire per bene prima di gustarli.

Capuzzelle di Halloween al cioccolato

2

Cocktail al sangue di San Gennaro

Un drink spaventoso dedicato a San Gennaro, il Santo Patrono di Napoli.
N° Persone: 1 persona (1 bicchiere)
Preparazione: 5 min.
Cottura: 0 min.
Difficoltà: facile

L’amarena, gusto tipico di molto dolci napoletani, la fa da padrone in questa bevanda dedicata a San Gennaro. Il colore rosso intenso richiama il miracolo dello scioglimento del suo sangue che ogni 19 settembre riesce a stupire tutto il mondo.

In un certo periodo dell’anno, soprattutto durante i mesi dedicati ad onorare i propri defunti, l’esoterismo e la superstizione si fanno strada nelle menti degli abitanti di Napoli. Come sempre il popolo napoletano caratterizza e arricchisce le proprie ricorrenze di pietanze e dolci davvero golosi. Per ricordare il Santo Patrono che ci protegge, San Gennaro, ed il suo miracolo, prepariamo un cocktail all’amarena davvero speciale.

Ingredienti

  • 4/10 di soda
  • 2/10 di Sciroppo Amarena
  • 2/10 di succo d’arancia
  • 2/10 di succo di limone
  • 2-3 fettine di arancia
  • cubetti di ghiaccio Q.b.

Shakeriamo il cocktail

Come per tutti i cocktail che si rispettino, bisognerà che vi muniate di uno shaker, il classico bicchierone d’acciaio in cui miscelare gli ingredienti, ma basterà anche una brocca capiente riempita di ghiaccio. Procedete miscelando i succhi di frutta con lo sciroppo di amarena, aggiungendo soda (gassosa) a piacere. Aggiungete il ghiaccio ed il cocktail sarà pronto da essere gustato. Un’alternativa alcolica prevede l’aggiunta a piacere del vermut.

Nota della cuoca

Cel caso in cui voleste dar uno aspetto spettrale e davvero caratteristico al cocktail ispirato al sangue di San Gennaro, appena sarà preparato vi consigliamo di colorare dello zucchero semolato tritandolo al mixer con una goccia di colorante alimentare rosso e di applicarlo bagnando il bordo di un bicchiere da cocktail capovolgendolo ed intingendolo nello zucchero.

Inoltre, potete raffreddarlo (e renderlo ancora più spaventoso) con dei cubetti di ghiaccio a forma di capuzzella.

Cocktail al sangue di San Gennaro

3

I Munacielli ripieni

Un antipasto dal sapore esoterico, che ne pensate dei Munacielli? Golose pizzelle fritte ripiene di provolone filante.
N° Persone: 4/6
Preparazione: 10 min.
Cottura: 5/6 min.
Difficoltà: media

Scongiuriamo l’arrivo del dispettoso Munaciello preparando un antipasto a lui dedicato, i “Munacielli” da intingere in golose salse porta fortuna. Direttamente dai Monti Lattari sua maestrà il Provolone del Monaco è protagonista di questa golosa ricetta.

La leggenda di questo piccolo frate spiritello narra che questa figura si presentasse alla porta delle case dei napoletani per far dispetti e qualche volta anche per portare fortuna. Facendo riferimento ad una ricetta della famosa pizzeria napoletana dei Vesi, che li hanno inventati, oggi prepariamo i “Munacielli”. In onore, quindi, di questa caratteristica figura esoterica assaggiamo questi bocconcini di pizza fritta ripieni di filanti tocchetti di Provolone del Monaco.

Ingredienti

  • 300 gr farina di grano tenero tipo 0
  • un pizzico di sale
  • 5 gr lievito
  • acqua Q.b.
  • 250 gr provolone del Monaco
  • 300 ml olio di semi di arachide

Prepariamo la pasta per pizza

Innanzitutto, bisognerà preparare la pasta per la pizza procedendo con il versare in una ciotola ben capiente 100 ml circa di acqua (più un po’ da aggiungere successivamente se ce ne sarà bisogno) con un pizzico di sale e il lievito. Fate sciogliere il lievito e, pian piano, aggiungete la farina a pioggia. Impastate finché non risulterà essere un panetto di pasta amalgamato. Lasciate lievitare la pasta per 4 ore, re-impastatela e formate delle palline grandi quanto un mandarino da far ri-lievitare per almeno 40 minuti.

Prepariamo i Munacielli

Dalla forma del provolone del Monaco ricavate dei bastoncini, poneteli al centro dei panetti di pizza distesi e richiudeteli a formare tanti sigari di pizza ripieni. Friggeteli in abbondante olio di semi di arachidi finché non risulteranno ben cotti e dorati.

Nota della cuoca

Parlando di esoterismo e leggende napoletane, consigliamo l’abbinamento con la salsa ai corni della fortuna leggermente piccante e davvero gustosa se mangiata con i Munacielli.

Fonte foto: Luciano Pignataro

Munacielli fritti di Vesi

4

Salsa ai corni portafortuna

La salsa ai corni portafortuna richiama il simbolo più famoso di Napoli con il suo gusto inconfondibile e leggermente piccante.
N° Persone: 4
Preparazione: 5 min.
Cottura: 25/30 min.
Difficoltà: facile

Peperoni e peperoncini sono protagonisti di una salsa dal gusto leggermente piccante da abbinare con pizze e sfizi napoletani. S sapevate che potrebbe essere davvero gustosa usata anche per condire la pasta?

Chiamato anche “curniciello”, il corno o peperoncino rosso è uno dei simboli portafortuna per eccellenza di Napoli. La tradizione napoletana prevede che questo peperoncino o peperone oblungo sia principalmente efficace contro il malocchio e la iettatura, ma in origine era considerato di buon auspicio per la sua forma caratteristica e le sue conosciute proprietà afrodisiache.
Per scongiurare la sfortuna e rimanere in salute, noi di Napolike prepariamo una salsa piccantina che richiama il simbolo più famoso di Napoli.

Ingredienti

  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 1 peperoncino rosso fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 20 ml olio extravergine d’oliva
  • 2 foglie di basilico
  • una spolverata di origano secco
  • sale Q.b.

Prepariamo i colorati ingredienti

Preparare la salsa ai peperoni “corni portafortuna” è semplicissimo: procedete lavando i peperoni e il peperoncino sotto acqua corrente privandoli di torsolo, filamenti e semini interni. Riscaldate in padella l’olio di oliva e fate soffriggere l’aglio ed il peperoncino a pezzetti. Aggiungete in padella le falde ricavate dei eaperoni appena preparati e fateli cuocere per almeno 25-30 minuti, coperti. Negli ultimi minuti dovranno letteralmente bruciacchiarsi.

Serviamo la salsa

Condite con sale, basilico ed origano tritando il tutto con l’uso di un mixer ad immersione. Creerete così una salsa piccante e saporita con cui dar fortuna a tutti i commensali invitati a banchettarne.

Salsa ai corni portafortuna per Halloween