Pedamentina di Napoli, storia, consigli per la visita e come arrivare

Pedamentina di Napoli vista dall'alto
Contenuti dell'articolo

La Pedamentina con i suoi 414 scalini è un sistema di discese e gradinate risalente al XIV secolo e realizzato dagli architetti Tino di Campiono e Francesco de Vito.

La discesa fu destinata a congiungere due differenti zone della città di Napoli, vale a dire la Certosa di San Martino ed il Castel S. Elmo, collocati sulla collina del quartiere Vomero, ed il centro storico, posto a valle. In sostanza si tratta di vie di collegamento pedonale tra zone della città interessate da espansioni extra moenia, riconducibili perlopiù a quelle verificatesi nel corso del XVI secolo.
La salita fu anche utilizzata a scopi difensivi in caso d’assedi del vicino Castel S.Elmo.

Percorrendo la Pedamentina è possibile ammirare non soltanto il panorama del golfo, ma anche gli orti ed i giardini della Certosa. Così come le molteplici scalinate della città di Napoli, è ad oggi considerata un capolavoro urbanistico.

Consigli per la visita alla Pedamentina

Visitare la Pedamentina a Napoli è un’esperienza unica, che regala una prospettiva inedita sulla città e sul suo vivace contesto urbano, ma la scalinata non va sottovalutata. Ecco alcuni consigli per rendere la tua visita ancora più piacevole:

Cosa fare prima della visita

  • Orario: Preferisci le ore meno calde della giornata, soprattutto se visiti nei mesi estivi. Le prime ore del mattino o il tardo pomeriggio sono ideali.
  • Abbigliamento: Indossa scarpe comode e adatte a camminare, dato che ti aspetta una lunga scalinata. Un cappellino e della crema solare possono essere utili nei giorni di sole.
  • Acqua: Porta con te una bottiglia d’acqua per rimanere idratato durante la salita o discesa.

Durante la visita

  • Pace: Prenditi il tuo tempo per salire o scendere le scalinate. Non c’è fretta, ogni angolo può regalare una vista spettacolare, a volte anche da qualche piccolo scorcio che può sfuggire al visitatore frettoloso.
  • Fotografie: Non dimenticare di portare con te una fotocamera o lo smartphone per catturare le magnifiche vedute di Napoli e del Vesuvio che la Pedamentina offre.
  • Rispetto: La Pedamentina attraversa zone residenziali, quindi è importante mantenere un comportamento rispettoso verso gli abitanti locali. Parlate senza schiamazzi, niente musica e non sporcate.

Un occhio alla sicurezza

  • Attenzione: Alcuni tratti possono essere più trascurati di altri. Fai attenzione dove metti i piedi per evitare inciampi o scivolamenti. Dopotutto la pedamentina ha 700 anni!
  • In compagnia: Se possibile, visita la Pedamentina in compagnia, soprattutto se prevedi di farlo al tramonto o in serata dato che spesso è ritrovo di giovani adolescenti, soprattutto nella parte alta di San Martino.

Dopo la visita

Se sei salito lungo la Pedamentina, allora non ti resta che esplorare il quartiere Vomero, ecco qualche consiglio:

  • Certosa e Museo di San Martino: Se non l’hai già fatto durante la tua salita o discesa, la Certosa è un must per la sua ricchezza artistica e le sue incredibili vedute sulla città.
  • Castel Sant’Elmo: Vicino alla Certosa, questo castello offre una delle migliori panoramiche di Napoli. Perfetto per foto indimenticabili!

Se hai scelto di scendere lungo la Pedamentina, superato corso Vittorio Emanuele e scesi dalle scale di Montesanto, ti ritroverai più vicino al cuore storico di Napoli, con varie possibilità per continuare la tua esplorazione della città. Ecco alcune proposte:

  • Centro Storico: Una volta giù, sei a due passi dal Centro Storico di Napoli, Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Perditi tra i suoi vicoli, scoprendo chiese, botteghe artigianali e palazzi storici.
  • Spaccanapoli: Percorri questa strada che letteralmente “spacca” Napoli in due, passando accanto a luoghi iconici come la Chiesa del Gesù Nuovo, la Piazza del Gesù Nuovo e la Cappella Sansevero con il celebre Cristo Velato.
  • Museo Archeologico Nazionale: Se sei appassionato di storia e arte, questo museo è una tappa obbligata. Ospita una delle più importanti collezioni di arte e oggetti dell’antica Roma.
  • Catacombe di San Gennaro: Un’esperienza affascinante e un po’ misteriosa è la visita delle antiche catacombe, un viaggio nell’ipogeo della città.
  • Piazza Bellini: La sera, questa piazza si anima di giovani e meno giovani, è il luogo perfetto per un aperitivo o per ascoltare musica dal vivo in uno dei tanti locali.

Informazioni sulla Pedamentina a Napoli

Come arrivare dall’alto:

  • Indirizzo: Vico Pedamentina di San Martino 80126, Napoli
  • Dal Vomero verso il centro storico:
    • Linea metro L1: stazione Vanvitelli, proseguire a piedi fino al Largo San Martino (circa 10 minuti) | Funicolare a Montesanto: stazione Morghen, proseguire a piedi fino al Largo San Martino (circa 7 minuti a piedi)
  • Dal centro storico verso il Vomero:
    • Linea metro L2: stazione Montesanto, proseguire a piedi su Via San Cristofaro all’Olivella, svoltare a sinistra sul Corso Vittorio Emanuele e a destra su Via Pedamentina di San Martino

Come arrivare dal basso:

Se preferisci avvicinarti a piedi, puoi partire dal centro storico di Napoli, cammina lungo la famosa Via Toledo fino quasi a Piazza Dante. Da qui, puoi svoltare a Via Tarsia e proseguire verso le Scale di Montesanto (in sostanza devi andare sempre dritto), arrivato a Corso Vittorio Emanuele, uno stradone, prosegui a sinistra. Troverai l’inizio della Pedamentina sulla destra.

L’inizio della Pedamentina partendo dal basso, ovvero da Corso Vittorio Emanuele
 
Seguici su Telegram