Quattro Matrimoni, chi paga viaggio e ricevimenti degli sposi?

quattro matrimoni copertina con costantino della gherardesca

Quattro Matrimoni, l’adattamento italiano del format britannico Four Weddings, è un programma di grande successo condotto da Costantino della Gherardesca.

I telespettatori più curiosi si chiedono spesso chi paga i ricevimenti e se le spose guadagnano un cachet.

Chi paga il ricevimento in Quattro Matrimoni?

Stando ad alcune indiscrezioni rilasciate da un’ex concorrente su un noto forum dedicato al Wedding, i costi sono suddivisi tra la produzione e gli sposi.

Il ricevimento viene pagato interamente dagli sposi, mentre la produzione copre la quota del ricevimento per le spose ospiti, l’intera troupe, e le spese di viaggio delle concorrenti, offrendo anche un gettone di presenza di 70 euro.

Chi paga il viaggio di nozze? Viene davvero regalato dalla produzione?

Nel corso del tempo è emerso un dubbio riguardo al premio offerto dal programma, ossia il viaggio di nozze.

In Italia, Quattro Matrimoni non ha mai ricevuto critiche riguardo a questo aspetto, quindi si può affermare che il viaggio di nozze viene effettivamente vinto dalla coppia vincitrice.
Nei passati anni, la luna di miele era a sorpresa in un luogo da sogno, poi gli sposi hanno avuto la possibilità di scegliere tra tre opzioni. Ad esempio in una delle recenti scelte si è trattato di un lussuoso soggiorno in montagna tra luoghi incantati, buon cibo e totale relax.

Le critiche alla versione statunitense di Quattro Matrimoni

Diverso il discorso per la versione statunitense, lì sono emerse numerose critiche proprio in merito alla questione attorno al viaggio di nozze.
Secondo alcune indiscrezioni e voci di corridoio, sembra che la produzione statunitense in alcuni casi non abbia dato il viaggio di nozze “premio” ad alcune delle coppie vincitrici, mentre ad altre le ha costrette ad attendere la fine della trasmissione in tv per evitare spoiler, prima di poter fruire del viaggio. Si parla di oltre un anno di attesa.

Seguici su Telegram
Scritto da Gennaro Marchesi
Potrebbero interessarti