Mascherine obbligatorie in Campania, ecco la nuova ordinanza di De Luca

Vincenzo De Luca
0:00 / 0:00

Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, con un’ordinanza regionale, ha confermato le misure del Governo relativamente all’obbligo di indossare la mascherina per proteggersi dal Covid in alcune circostanze.

Infatti, il Governo ha prorogato l’obbligo di indossarle, tra l’altro, negli ospedali e nelle Rsa fino a fine novembre 2022, ma De Luca, in anticipo, aveva già prorogato l’ordinanza regionale che prevedeva tale scadenza.

In questo caso, quindi, Regione e Governo si allineano nella decisione di mantenere queste misure anti-Covid, considerato che il virus continua a circolare, anche mutando.

Cosa dice l’ordinanza regionale

Il provvedimento: afferma che dal 1 novembre al 30 novembre 2022 c’è l’obbligo di indossare le mascherine:

  • in tutte le strutture sanitarie, di ospitalità e lungodegenza;
  • nelle Rsa;
  • nelle residenze sanitarie assistenziali;
  • negli hospice;
  • nelle strutture riabilitative;
  • nelle strutture residenziali per anziani.

Non hanno l’obbligo di indossare la mascherina:

  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina;
  • le persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo.

La raccomandazione per i mezzi di trasporto

Resta la raccomandazione, senza obbligo, di indossare la mascherina sui mezzi pubblici di trasporto ed in tutti i luoghi affollati, dove quindi si creano assembramenti.

De Luca si dice sempre preoccupato relativamente ai contagi e afferma che:

il permanere di livelli di contagio non marginali obbliga alla prudenza, in modo particolare rispetto a pazienti e fasce deboli negli ospedali e nelle Rsa. Sarebbe inaccettabile costringere pazienti, magari allettati, a farsi curare da personale non vaccinato sarebbe, questa sì, una forma di violenza verso i più fragili.

Nelle sue ultime affermazioni possiamo ravvisare anche il timore sul reintegro del personale no vax nelle strutture sanitarie.

Seguici su Telegram
Parliamo di: