Geolier a Sanremo 2024, testo canzone, critiche, significato

foto di Geolier

Geolier, giovane fenomeno della musica italiana, scala il palco di Sanremo 2024 con la sua cazone “I p’ me, tu p’ te”. Dopo un 2023 straordinario, segnato dal successo del suo album “Il coraggio dei bambini”, l’artista sfida il prestigioso festival con un brano che promette di lasciare il segno. “I p’ me, tu p’ te” non è solo musica, ma un viaggio nel cuore della cultura napoletana, un esperimento audace che mescola rap, elettronica e tradizione.

Il testo della canzone di Geolier a Sanremo 2024

“I p’ me, tu p’ te” di Geolier si distingue per il suo testo interamente in napoletano. Le parole scelte dall’artista e dai suoi coautori, tra cui spiccano nomi come D. Simonetta e P. Antonacci, trasmettono un’emozione cruda e autentica.

Il testo, ricco di metafore e immagini poetiche, racconta di un amore finito, di due stelle cadenti, di sentimenti intrappolati tra desiderio e realtà, offrendo un ritratto sincero e toccante della gioventù contemporanea.

Nuij simm doije stell ca stann precipitann
T stai vestenn consapevole ca tia spuglia
Pur o’mal c fa ben insiem io e te
Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te
No no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Si ng stiv t’era nvta
A felicità quant cost si e sord na ponn accatta
Agg sprecat tiemp a parla
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu pe’te
Tu m’intrappl abbraccianm
Pur o riavl er n’angl
Comm m può ama si nun t’am
Comm può vula senz’al, no
È passat tantu tiemp ra l’ultima vot
Ramm natu poc e tiemp p l’ultima vot
No, no no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
Sta nott e sul ra nostr,
Si vuo truann a lun a vac a piglia e ta port,
E pur si o facess tu nun fuss cuntent,
Vuliss te stell, vuless chiu tiemp cu te.
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te

Il significato della canzone di Geolier

La canzone affonda le radici nella complessità dei rapporti umani. “I p’ me, tu p’ te” parla di amore, di relazioni destinate a finire e della difficoltà di lasciarsi andare. La forza del brano sta nel suo essere specchio di storie quotidiane, nelle quali molti possono riconoscersi.

La scelta del dialetto napoletano non è solo un omaggio alle origini dell’artista, ma un modo per esprimere con maggiore intensità le emozioni e le sfumature di questo racconto universale.

Perché è stata criticata: il testo napoletano sbagliato, l’attacco del Movimento Neoborbonico

Nonostante l’indiscusso talento di Geolier, “I p’ me, tu p’ te” ha suscitato critiche. Associazioni e difensori della lingua napoletana, come il Movimento Neoborbonico, hanno evidenziato imprecisioni nel testo, definendolo a tratti indecifrabile.

Queste osservazioni sottolineano l’importanza di una corretta rappresentazione linguistica e culturale, specialmente quando si porta un dialetto in un contesto nazionale come il Festival di Sanremo.

Rispondendo alle critiche, il Movimento Neoborbonico ha proposto una versione corretta del testo di “I p’ me, tu p’ te”, mantenendo inalterato il significato emotivo ma con una maggiore fedeltà alla lingua napoletana. Questa revisione non solo valorizza il brano, ma ne amplifica il messaggio, rendendolo accessibile e apprezzabile da un pubblico più vasto, nel rispetto della ricca tradizione linguistica e culturale di Napoli.

I’ pe mme, tu pe tte

Nuie  simmo ddoie stelle ca stanno cadenno
Te staie vestenno pure sapenno  ca t’hê ‘a spuglià
Pure ‘o mmale ce fa bene nzieme io e tte
Ce âmmo sperato ‘e sta pe sempe nzieme io e tte
No no no comme se fa
No no no a te scurdà
Pe mò no, nun ‘o pozzo fà
Si nun ce stive t’era nventà
‘A felicità quanto costa si ‘e sorde nun ‘a ponno accattà
Aggio sprecato tiempo a parlà
Nun l’êssa penzato maie
Ca a ll’inizio d’ ‘a storia era già ‘a fine d’ ‘a storia pe nnuie
‘O cielo ce sta guardanno
E quanto chiove e pecché…
S’ è dispiaciuto pe mme e pe tte
Pirciò mò sta accummincianno a chiovere
Simmo dduie estranei ca se ncontrano
E stevo penzanno a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte

Tu m’intrappoli abbracciannome
Pure ‘o diavolo era n’angelo
Comme me puo’ amà si nun t’amo
Comme puo’ vulà senz’ale, no
È passato tantu tiempo d’ ‘a ll’urdema vota
Damme n’atu ppoco ‘e tiempo pe ll’urdema vota
No, no no no comme se fa
No no no a te scurdà
Pe mo no, n’ ‘o pozzo fa’
Nun l’êsse penzato maie…..
Ca a ll’inizio d’ ‘a storia era già ‘a fine d’ ‘a storia pe nuie
‘O cielo ce sta guardanno
E quanto chiove e pecché…
S’ è dispiaciuto pe mme e pe tte
Pirciò mo sta inizianno (accummincianne) a chiovere
Simmo dduie estranei ca s’incontrano
E stevo penzanno:  a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro

I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
Stanotte è sulo d’’a nosta
Si vuò truvanno ‘a luna ‘a vaco a piglià
E pure si ‘o facesse, tu nun fusse cuntenta
Vulisse ati stelle, vulisse chiù tiempo cu te.
Pirciò mo sta inizianno (accummincianne) a chiovere
Simmo dduie estranei ca s’incontrano
E stevo penzanno:  a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte
I’ pe mme, tu pe tte

In questo articolo:
Seguici su Telegram
Scritto da Andrea Navarro
Fonte immagine: profilo Instagram @geolier
Parliamo di: ,
Potrebbero interessarti