Bus elettrici a Napoli, in arrivo 253 bus prodotti in Cina e Italia

Bus elettrici a Napoli

Nel cuore pulsante di Napoli, una rivoluzione verde sta per trasformare il volto del trasporto pubblico. L’arrivo di 253 nuovi bus elettrici segna un passo decisivo verso un futuro più sostenibile, riducendo l’impronta ambientale e migliorando la qualità dell’aria nella storica città partenopea.

Moderni mezzi di trasporto, frutto di una collaborazione internazionale che vede protagonisti aziende italiane e giganti cinesi dell’industria automobilistica, promettono di elevare gli standard di efficienza e comfort per i cittadini napoletani. Una svolta significativa, che non solo risponde all’urgenza climatica ma rafforza anche il legame tra innovazione tecnologica e tutela del patrimonio urbano.

La flotta elettrica: un nuovo inizio

Il cuore della trasformazione del trasporto pubblico a Napoli batte con l’energia pulita di 253 bus elettrici, pronti a solcare le strade della città con un silenzio rivoluzionario. Al centro di questa innovazione ci sono 142 veicoli forniti da Byd Europe BV, un colosso cinese dell’automazione che ha conquistato i lotti principali dell’appalto con i suoi modelli all’avanguardia. Questi bus si distinguono per le loro dimensioni e capacità, dai bus normali da 11 metri ai snodati oltre 18 metri, garantendo una risposta flessibile alle diverse esigenze della mobilità urbana.

La flotta si arricchisce ulteriormente con i mini-bus Higer e i bus corti Zonson, piccoli gioielli di tecnologia che, nonostante le dimensioni ridotte, non scendono a compromessi in termini di prestazioni e comfort. Realizzati con componentistica cinese ma assemblati con maestria italiana da Sitcar Mobility Vehicles Srl e Pagliani Service Srl, questi mezzi rappresentano un ponte tra due mondi industriali, unendo qualità e innovazione.

Completano l’offerta i 46 autobus Iveco, orgoglio dell’industria italiana, che con la loro lunghezza intermedia si inseriscono perfettamente nel tessuto urbano, combinando agilità e capacità di accoglienza. Con un investimento complessivo di 172,5 milioni di euro, finanziato tramite i fondi del Pnrr, Napoli si appresta a fare un salto qualitativo nel servizio di trasporto pubblico, puntando su veicoli che garantiscono zero emissioni e un impatto ambientale minimo.

  • Byd Europe BV: 142 bus
  • Sitcar Mobility Vehicles Srl: mini-bus Higer
  • Pagliani Service Srl: bus corti Zonson
  • Iveco: 46 autobus di media grandezza

Una collaborazione italo-cinese nel settore dei trasporti

L’innovazione nel settore dei trasporti pubblici a Napoli è frutto di una collaborazione italo-cinese che porta sulle strade della città una sinergia tecnologica senza precedenti. Le aziende Sitcar Mobility Vehicles Srl e Pagliani Service Srl emergono come figure chiave in questo panorama, agendo da ponti tra l’ingegneria italiana e la tecnologia avanzata cinese. I mini-bus Higer e i bus corti Zonson, sebbene vantino componenti cinesi, sono assemblati e finiti in Italia, testimoniando un’unione perfetta di competenze globali e savoir-faire locale.

Questo modello di cooperazione non solo arricchisce il tessuto industriale di Napoli e dell’Italia, ma garantisce anche veicoli che rispondono alle esigenze specifiche della mobilità urbana napoletana. La capacità di unire le avanzate tecnologie cinesi nel campo dei veicoli elettrici con la precisione e l’attenzione al dettaglio tipiche dell’industria italiana si traduce in autobus elettrici efficienti, affidabili e adatti a migliorare l’esperienza di viaggio dei passeggeri.

Una partnership che rappresenta un esempio virtuoso di come la collaborazione internazionale possa accelerare la transizione verso un trasporto pubblico più sostenibile e innovativo, rispettando al contempo gli standard elevati di sicurezza e comfort richiesti dal contesto urbano di Napoli.

  • Sitcar Mobility Vehicles Srl: assemblaggio mini-bus Higer
  • Pagliani Service Srl: realizzazione bus corti Zonson
  • Tecnologia cinese: componentistica e innovazione
  • Competenza italiana: assemblaggio, finitura e adattamento alle esigenze locali

Caratteristiche tecniche dei bus e innovazioni presenti

I nuovi bus elettrici che si apprestano a percorrere le strade di Napoli non sono solo un simbolo di sostenibilità, ma anche vetrine di tecnologia avanzata e innovazione. Veicoli progettati per rispondere alle specifiche esigenze del trasporto urbano, si distinguono per le loro caratteristiche tecniche all’avanguardia. Dalle dimensioni variabili, che vanno dai 7 ai 18 metri, offrono soluzioni flessibili per ogni tipo di percorso cittadino, garantendo al contempo efficienza e ridotto impatto ambientale.

Ogni autobus è dotato di batterie di trazione ad alta capacità, che assicurano una lunga autonomia con una singola ricarica, e sistemi di ricarica plug-in che facilitano le operazioni di mantenimento dell’energia. Inoltre, la presenza del connettore di ricarica tipo CCS COMBO 2 standardizza il processo, rendendolo compatibile con la maggior parte delle infrastrutture di ricarica esistenti.

L’attenzione al comfort dei passeggeri si riflette nelle dotazioni interne dei bus: aria condizionata, connessione Wi-Fi gratuita, telecamere di sorveglianza per la sicurezza, e monitor che forniscono informazioni in tempo reale sul viaggio. La capacità di accoglienza varia in base alle dimensioni del veicolo, oscillando tra i 20 e i 30 posti, ottimizzando così lo spazio per garantire viaggi confortevoli anche nei momenti di maggiore affluenza.

Caratteristiche:

  • Batterie ad alta capacità: autonomia estesa
  • Sistema di ricarica plug-in: facilità di mantenimento
  • Connettore CCS COMBO 2: compatibilità con infrastrutture esistenti
  • Dotazioni per il comfort: aria condizionata, Wi-Fi, sicurezza, informazioni in tempo reale

Impatto ambientale e sostenibilità

L’introduzione della nuova flotta di bus elettrici a Napoli rappresenta un passo significativo verso un futuro più sostenibile per la città. Questi veicoli, completamente privi di emissioni, contribuiranno in maniera sostanziale alla riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, migliorando la qualità della vita urbana e preservando il patrimonio storico e culturale di Napoli.

L’adozione di questi mezzi di trasporto green si inserisce in un contesto più ampio di politiche ambientali volte a combattere il cambiamento climatico e a promuovere uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente. Grazie a una mobilità pubblica più pulita, Napoli si avvia a diventare un modello di sostenibilità urbana, ispirando altre città a seguire questo esempio virtuoso.

Oltre a beneficiare l’ambiente, i bus elettrici offrono vantaggi economici a lungo termine, riducendo i costi legati al consumo di carburanti fossili e alla manutenzione dei veicoli. Questo investimento iniziale, sostenuto dai fondi del Pnrr, si tradurrà in risparmi significativi per la città e in una migliore allocazione delle risorse verso altri servizi essenziali.

  • Zero emissioni: miglioramento della qualità dell’aria
  • Riduzione dell’inquinamento acustico: maggiore tranquillità nelle aree urbane
  • Promozione della sostenibilità: esempio per altre città
  • Vantaggi economici: riduzione dei costi operativi e di manutenzione

Con la realizzazione di questo ambizioso progetto, Napoli dimostra il proprio impegno non solo nel migliorare la mobilità cittadina, ma anche nel contribuire attivamente alla salvaguardia dell’ambiente per le generazioni future.

Seguici su Telegram
Scritto da Gennaro Marchesi
Fonte immagine: AutobusWeb
Parliamo di:
Potrebbero interessarti