Seguici
Su di noi

Dopo 6 anni nel settore della promozione territoriale online e dopo essere divenuti il punto di riferimento per chi desidera conoscere gli eventi della città, abbiamo accolto il bisogno dei viaggiatori e creato una piattaforma appositamente studiata per loro. Non solo in italiano, ma disponibile in altre sei lingue: inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo e giapponese. E presto molte altre.

Made It srl.
P.iva: 08846661216
Viale Antonio Gramsci, 11 – Napoli (80122)

Disponibile su Google Play
  • No products in the cart.

Il Castel dell’Ovo a Napoli

Il Castel dell'Ovo nel Golfo di Napoli

Castel dell’Ovo: il castello più antico di Napoli

Il castel dell’Ovo (in latino, castrum Ovi), è il più antico castello di Napoli che sorge sull’isolotto di Megaride dove, secondo la leggenda, vi approdò la sirena Partenope che diede il primo nome alla città antica, primo insediamento dei greci, i Cumani (di origine greco-euboica), nella metà del VII secolo a.C.

Dopo l’isolotto fu colonizzata anche la terraferma, rappresentata dal Monte Echia (l’attuale borgo di Santa Lucia), dove sorse il primo centro abitato dell’antica Neapolis. L’isolotto fu poi collegato alla terraferma ed il patrizio romano Licinio Lucullo vi costruì una splendida ed elegante villa, il Castrum Lucullanum, che restò sul sito fino all’epoca tardoromana.

Molteplici furono gli eventi che danneggiarono l’originario aspetto normanno del castello, che fu soggetto a diversi lavori di ricostruzione nel corso del periodo angioino ed aragonese.

La leggenda

Il Castel dell’Ovo sul Lungomare di Napoli deve il suo nome ad un’antica leggenda che coinvolge Virgilio. Il poeta latino, considerato anche un mago nel Medioevo, avrebbe nascosto un uovo magico nelle segrete del castello per far sì che non crollasse mai. Infatti, la sua eventuale rottura provocherebbe la distruzione della fortezza e di tutta la città. L’uovo non è mai stato trovato, ma si narra che si trovi in un recipiente d’acqua in una gabbia di ferro appesa ad una trave di quercia in una stanza dei sotterranei. Nel XVI secolo un crollo dell’arco fece diffondere il panico tra gli abitanti e la Regina Giovanna I fu costretta a giurare di aver sostituito l’uovo.

Cosa visitare nel castello

Tra gli elementi più affascinanti del Castello: la Torre Maestra, la torre Normanna, le celle dei monaci scavate nella roccia; i cinque filari di colonne appartenenti alla villa di Lucullo ed i ruderi della chiesa del Salvatore. Dalla terrazza più alta si può ammirare un incantevole panorama della città di Napoli con il suo porto di Mergellina adagiati sul mare, mentre dal lato opposto si può ammirare la maestosità del Vesuvio, distinguendo la penisola sorrentina e l’isola di Capri.

La struttura di Castel dell’Ovo

Il castello ospita la Chiesa del Salvatore e i cosiddetti romitori, celle scavate all’interno della pietra tufacea, che presentano tracce di affreschi rudimentali. Inoltre, la Sala delle Colonne, il Carcere della Regina Giovanna o Sala delle Prigioni e l’Istituto Italiano dei Castelli che ospita una mostra fotografica permanente dedicata all’architettura fortificata campana.

Attualmente il Castel dell’Ovo è collegato al Lungomare della città di Napoli attraverso un ponte sul mare ed è circondato dal pittoresco Borgo Marinari, animato di mattina e sera da ristoranti e bar. Il castello è visitabile tutti i giorni ad ingresso libero, consentendo ai visitatori di ammirare le sue caratteristiche architettoniche e le mostre e le esposizioni di vario genere che periodicamente ospita.

Come arrivare

In auto
dall’autostrada, tangenziale, uscita Centro – Porto, percorrere Via Marina fino a Piazza Municipio

In aereo
dall’aeroporto Alibus fino a piazza Municipio

In treno
dalla stazione FS (Piazza Garibaldi), metropolitana Linea 1 da Garibaldi, direzione Piscinola fermata Toledo. Oppure da piazza Garibaldi prendere autobus R2 fino a piazza Municipio

In metropolitana
Linea 1 fermata Toledo, a piedi per 750 mt.

In autobus
da piazza Garibaldi R2 fino a piazza Municipio; da piazza Vittoria tram 1 fino a piazza Municipio

Informazioni sul Castel dell’Ovo

Indirizzo: Via Eldorado 3 – 80132 Napoli

Orari di apertura:

nel periodo estivo (con l’applicazione dell’ora legale):

  • nei giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 19.30 – ultimo accesso ore 19.00
  • nei giorni festivi e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 14.00 – ultimo accesso ore 13,30

nel periodo invernale (con la disattivazione dell’ora legale):

  • nei giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 18.30 – ultimo accesso ore 18.00
  • nei giorni festivi e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 14.00 – ultimo accesso ore 13,30

Prezzi: accesso gratuito

Contatti:

  • tel: Dipartimento Gabinetto – Servizio Eventi 081 7954592 / 081 7954596-4588-459
  • email: casteldellovo@comune.napoli.it
  • Sito del Comune di Napoli

Eventi e ultime novità sul Castel Dell’Ovo

Vota questo post
[Totale: 2 Media: 5]

Il Castel dell’Ovo a Napoli

Il castel dell’Ovo (in latino, castrum Ovi), è il più antico castello di Napoli che sorge sull’isolotto di Megaride dove, secondo la leggenda, vi approdò la sirena Partenope che diede il primo nome alla città antica, primo insediamento dei greci, i Cumani (di origine greco-euboica), nella metà del VII secolo a.C.
Indirizzo: Via Eldorado 3, Napoli
Città: Napoli
Regione: Campania
Nazione: Italia
Telefono: +390817954592
Email: casteldellovo@comune.napoli.it
Coordinate: 40.828358649730475,14.247550964355469
Orari per i visitatori (aggiornato al 14 Luglio 2018):
    Sito ufficiale:
    L'ingresso per i visitatori è gratuito.

    Tag: