HomeCulturaTeatro Stabile di Napoli On Line: il grande Teatro si guarda da casa (con le cuffie)

Teatro Stabile di Napoli On Line: il grande Teatro si guarda da casa (con le cuffie)

elettra teatro stabile napoli

Il Teatro Stabile di Napoli è arrivato on line: da pochissimo è possibile assistere anche alla Elettra, uno spettacolo in cui il suono è quasi un attore

Se gli spettatori non possono più andare al Teatro Stabile (che riunisce il Teatro Mercadante e il Teatro San Ferdinando di Napoli), sarà allora lo Stabile a trasferire il proprio palco nelle case di tutti gli italiani. Il progetto Teatro Stabile On Line, che si avvale di un canale YouTube dedicato, si è arricchito recentemente di uno spettacolo ispirato all’Elettra di Sofocle, andato in scena nel 2005 per la regia di Andrea De Rosa.

La trama

La trama dell’Elettra di Andrea De Rosa viene ripresa dall’Elettra di Sofocle, tra le più famose e significative tragedie di epoca classica.

Figlia di Agamennone, re degli Achei, Elettra non riesce a tollerare l’idea che sua madre Clitennestra abbia tramato alle spalle di Agamennone per ucciderlo. L’odio di Elettra per la madre la spingerà a chiedere costantemente una giusta vendetta per il padre: anche se sarà un’altra la mano che ucciderà Clitennestra, Elettra ricoprirà nell’immaginario collettivo antico e contemporaneo il ruolo di matricida.

Un’Elettra da ascoltare con le cuffie

Il motivo per cui il Teatro Stabile di Napoli ha deciso di proporre ai propri spettatori la visione on line della Clitennestra di Andrea De Rosa è la particolare concezione del suono che accompagnò la messa in scena teatrale.

All’epoca, nel 2005, agli spettatori furono consegnate delle  cuffie attraverso cui ascoltare le musiche e le voci degli attori.

Le musiche di Giorgio Mellone così come le voci degli attori vennero infatti riprese dal tecnico del suono Hubert Westkemper con una particolare tecnica detta “olofonica”.

Questa tecnica, che si attua attraverso l’utilizzo di uno speciale microfono detto appunto “olofonico” consente di registrare il suono (e successivamente di riprodurlo) in maniera che non venga percepito come emesso dalle cuffie, ma “fuori dalla testa” dell’ascoltatore, per una rappresentazione del suono assolutamente realistica e coinvolgente.

Per sperimentare anche a casa il suono olofonico dell’Elettra basterà utilizzare delle cuffie stereofoniche e collegarsi al canale Youtube del Teatro Stabile di Napoli.

 

Vota questo post
[Voti: 0   Media: 0/5]
banner di collegamento a Napolike Turismo