Sinisa Mihajlovic: chi era e di cosa era malato

sinisa mihajlovic sul campo

Sinisa Mihajlovic era un famosissimo calciatore ed allenatore di calcio, di origine serba ma con anche la cittadinanza italiana. I suoi ruoli erano il difensore e il centrocampista.

Dove ha giocato

Mihajlovic iniziò nel Vojvodina, una squadra serba con sede a Novi Sad, ma fu presto acquistato nel 1990 dalla Stella Rossa con cui vinse la Coppa dei Campioni proprio nella stagione 1990/1991.
Già nel 1992 arrivò alla Roma con cui iniziò a fare la storia.

Da lì passò alla Sampdoria e alla Lazio, fino all’Inter che lasciò nel 2006.

Dove ha allenato

Come allenatore ha iniziato nel 2006 all’Inter come allenatore in seconda, proseguendo poi come principale nel Bologna. Seguirono poi:

  • Catania,
  • Fiorentina
  • Nazionale Serba
  • Sampdoria
  • Milan
  • Torino
  • Sporting Lisbona
  • E nuovamente il Bologna nel 2019

Di cosa era malato: cos’è la leucemia mieloide acuta

Mihajlovic soffriva di leucemia mieloide acuta, diagnosticata nel 2019. In sostanza si tratta di un tumore del sangue che si sviluppa nel midollo osseo, nel sangue e nel sistema linfatico.
Si sottopose a trapianto di midollo proprio quell’anno al Sant’Orsola di Bologna.

Il trapianto di midollo è la terapia più efficiente ed efficace per trattare questo tipo di malattia, anche perché è quella che statisticamente ha un tasso di recidiva, ovvero di ritorno della malattia, più basso.

Purtroppo non è stato il caso di Mihajlovic, dato che la malattia si è ripresentata.

Il trapianto di midollo osseo è la terapia più efficace per eradicare la leucemia mieloide acuta. In questo momento garantisce una minor possibilità di recidiva: purtroppo in questo caso la malattia è tornata, è stata molto aggressiva ed è stata refrattaria alle cure

Francesca Bonifaci, direttrice del programma trapianto che seguiva Mihajlovic

Purtroppo le altre terapie, anche sperimentali, come la Car-T non sono compatibili con il tipo di leucemia di cui era affetto e non ha potuto usufruirne.

attualmente le cellule Car-T funzionano per la leucemia cutanea, il linfoma o il mieloma. Sono casi diversi da quello di Sinisa. Per quanto riguarda la Car-T nelle leucemie mieloide acute siamo ancora in una fase sperimentale. Il Sant’Orsola si è candidato a creare una self factory per la produzione delle cellule Car-t accademiche, ma siamo ancora all’inizio. Speriamo di vincere la nostra candidatura e di iniziare presto la costruzione di questa self factory che verrà ospitata nella nuova ematologia grazie alla Fondazione Seragnoli

Francesca Bonifaci
YouTube video
Seguici su Google News
favicon google news
Scritto da Andrea Navarro
Potrebbero interessarti