HomeCronacaAntica Conceria di Pompei: il restauro fa rinascere il grande complesso negli Scavi

Antica Conceria di Pompei: il restauro fa rinascere il grande complesso negli Scavi

Antica Conceria negli Scavi di Pompei

Grazie al restauro in corso, si potrà visitare il grande complesso artigianale dell’antica Conceria negli Scavi di Pompei!

L’antica Conceria negli Scavi Archeologici di Pompei è uno dei siti più grandi ed importanti ed al momento è in restauro grazie alla collaborazione tra il Parco archeologico di Pompei e UNIC – Concerie Italiane, che ne ha sponsorizzato il progetto.

Si trova nel famoso vicolo dei Conciapelle, una strada che subì ingenti danni durante i bombardamenti del 1943 che colpirono gli Scavi, ma che è in risistemazione proprio grazie a questo progetto. Parallelamente, ovviamente i lavori stanno riguardando anche i locali in cui si svolgeva la concia delle pelli e la sala del banchetto (il cosiddetto triclinio estivo), il luogo in cui venivano accolti gli ospiti.

Le visite al complesso i laboratori

Questo grande complesso artigianale di Pompei, un impianto veramente grande dove si lavoravano le pelli ed il principale rinvenuto in tutta la città antica, potrà essere visitato a breve nella zona della Regio I.

In più, verrà messo in piedi anche un interessante allestimento didattico-espositivo in cui i visitatori potranno capire come venivano lavorate le pelli e che metterà in mostra anche strumenti originali usati in antichità.

La conceria nell’antica Pompei

Il grande edificio fu ritrovato a fine ‘800 nella già citata zona Regio I, nell’Insula 5, e fu costruito verso la metà del I secolo d.C. al posto di un’abitazione ancora più antica. È talmente grande che occupa quasi tutto lo spazio dell’Insula. Nel 62 d.C. un terremoto la danneggiò, ma gli importanti restauri successivi la resero ancora più efficiente e le diedero l’aspetto attuale.

Le vari fasi della lavorazione delle pelli avvenivano in diversi ambienti e la concia vera e propria coinvolgeva ben 5 vasche cilindriche. Poi, le pelli venivano battute al di sotto dell’area porticata e lavorate in altri piccoli ambienti ad est del peristilio

Vota questo post
[Voti: 0   Media: 0/5]



banner di collegamento a Napolike Turismo