Pelé è morto, cosa è successo e di cosa era malato

Pubblicato 
giovedì, 29/12/2022
Di
Andrea Navarro
Pelé e Lula in una foto dove tengono la maglia di calcio del giocatore

Settimane di tensione quelle attorno al campione Pelé, ricoverato in ospedale per una grave infezione respiratoria.
Nelle prime ore si è parlato di terapia intensiva, ma è poi giunta una smentita direttamente dalle figlie dello stesso.

Non è in terapia intensiva, è in una stanza normale, quindi non è a rischio, è in cura

Flavia Arantes

Cosa è successo e di cosa è malato

Pelé, Edson Arantes do Nascimiento all’anagrafe, è stato ricoverato il 29 Novembre per un’infezione polmonare grave a seguito del contagio da Covid. Il campione è sotto chemioterapia da tempo e questo lo inserisce, per forza di cose, tra i fragili.
Correttamente vaccinato covid, si era recato in ospedale per rivalutare la chemioterapia contro il cancro che sta facendo già da tempo, in funzione del contagio e della sua risposta allo stesso, quando è stata riscontrata l’infezione polmonare attualmente sotto controllo.

La figlia negò che rischiava di morire

Nonostante quanto paventato in origine dal quotidiano Folha de Sao Paulo, secondo il quale la chemioterapia non stava facendo effetto e che, pertanto, si era optato per le cure palliative.

È la seconda figlia a negarlo con una dichiarazione apposita per smentire il quotidiano.

La morte di Pelé

Purtroppo alle 20 del 29 dicembre 2022 è arrivata la notizia insperata: Pelé è deceduto.

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
[ajax_posts]
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram