Napoli, al CTO spedizione punitiva: picchiate le guardie giurate

Pubblicato 
venerdì, 30/09/2022
Di
Francesca Orelli
pronto soccorso cto di napoli picchiate guardie giurate

Un uomo, dopo aver rifiutato di farsi curare la notte scorsa, si è presentato stamattina al Pronto Soccorso del CTO di Napoli chiedendo di essere ammesso e di saltare la fila. E, quando ha ottenuto un rifiuto, ha chiamato i rinforzi e fatto picchiare le guardie giurate.

Un fatto definito “terrificante” e che è stato raccontato da Nessuno Tocchi Ippocrate anche sui social network.

Stamattina un uomo si è presentato al Pronto Soccorso CTO di Napoli, dopo che la notte scorsa si era rifiutato di farsi ricoverare, chiedendo di saltare la fila per farsi visitare e pretendendo che i medici gli dessero la priorità.

Quando però ha ricevuto un rifiuto categorico, ha dell’incredibile: infuriato, l’uomo ha chiamato i rinforzi, dei parenti, che si sono presentati in macchina.

Spedizione punitiva al Pronto Soccorso CTO di Napoli, cinque guardie giurate messe al tappeto

Una vera e propria spedizione punitiva, che non solo ha creato parecchio scompiglio, ma anche fatto delle vittime: cinque guardie giurate infatti sono state picchiate e messe al tappeto dal gruppo di malviventi.

Solo pochi mesi prima il dottor Mario Guarino, direttore del Pronto Soccorso, aveva descritto la sua struttura come un pronto soccorso campano “assault free”, quindi con zero aggressioni.

Sarebbe stato bello, ma, a quanto pare, questa realtà è ancora ben lontana dal realizzarsi.

Cerchi qualcosa in particolare?

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
[ajax_posts]
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram