Napoli, La voce dei giovani: progetto di Giffoni Film Festival

progetto con i giovani napoletani e giffoni

Il Comune di Napoli, il Giffoni Film Festival e Giffoni Innovation Hub hanno ideato il progetto “La voce dei Giovani Napoli“, pensato per formare i giovani al linguaggio cinematografico e alla scrittura creativa. Questa iniziativa coinvolge le scuole secondarie di primo e secondo grado della città e mira a produrre e distribuire un cortometraggio che racconti la bellezza di Napoli attraverso gli occhi dei più giovani.

Il progetto prevede una challenge rivolta alle scuole napoletane, che potranno partecipare fino alla fine di aprile. L’obiettivo è valorizzare la creatività dei ragazzi e creare uno storytelling in cui il contesto storico, sociale e culturale di Napoli siano i protagonisti indiscussi.

Formazione e opportunità offerte

Le classi partecipanti avranno l’opportunità di approcciare il mondo cinematografico attraverso:

  • Scrittura creativa e mestieri del cinema
  • Video tutorial e workbooks
  • Mentorship sui progetti di classe con webinar di supporto per docenti

La formazione è considerata un pilastro fondamentale per creare valore e promuovere iniziative culturali volte alla crescita sociale delle nuove generazioni.

Dichiarazioni delle istituzioni coinvolte

Il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, sottolinea l’importanza di questa partnership con il Giffoni Film Festival e Giffoni Innovation Hub, che punta sui giovani e sull’audiovisivo per stimolare la creatività e l’entusiasmo. Jacopo Gubitosi, direttore generale di Giffoni, è orgoglioso di questa collaborazione e mette in risalto il ruolo dei giovani come protagonisti del progetto.

Ricordiamo, infine, che Napoli è stata recentemente nominata la “Città dei Giovani” per il 2023. Questo progetto rafforza la collaborazione tra la città e il Festival di Giffoni, promuovendo il talento, il merito e i valori di socialità e partecipazione. La sfida coinvolge i ragazzi delle scuole napoletane, impegnati a raccontare la loro città con i propri occhi, la propria sensibilità e le proprie emozioni.

Maggiori informazioni: Comune di Napoli

Seguici su Telegram
Scritto da Andrea Navarro
Potrebbero interessarti