Proposta cittadinanza onoraria a Mertens: ma chi è responsabile del suo addio al Napoli?

Pubblicato 
venerdì, 05/08/2022
Di
Roberto Marcamo
Dries Mertens con in braccio suo figlio Ciro in visita al Napoli

Il video pubblicato sui social da Dries Mertens ha di certo mostrato l'attaccamento al Napoli e alla città di Napoli dell'attaccante belga. Tanto, che il sindaco Gaetano Manfredi ha deciso di concedere al calciatore la cittadinanza onoraria del capoluogo campano.

Il Sindaco Gaetano Manfredi concede la cittadinanza onoraria di Napoli a Dries Mertens

Di chi le responsabilità per l'addio al Napoli calcio?

Il mancato rinnovo del contratto, però, ha portato tutti a chiedersi i motivi della fumata nera tra le parti in causa, soprattutto vista la dichiarata volontà del calciatore di restare nel capoluogo campano e i continui "rimbalzi di responsabilità".

Alla fine, dunque, come sono andate davvero le cose?

L'addio di Mertens e la versione del belga

Un messaggio d'amore e un arrivederci, più che un addio, quello postato su Instagram da Dries Mertens, con il braccio suo figlio, il piccolo Ciro.

Ma qual è la versione del belga?
Semplice: la sua partenza non è andata come voleva lui.

"La mia partenza non è avvenuta come avrei voluto: ringrazio società, compagni, allenatori e tifosi, ma per me non è un addio, solo un arrivederci". 

Dries Mertens su Instagram
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Dries Mertens (@driesmertens)

La visita di De Laurentiis a casa di Mertens e l'ultima offerta per convincerlo a restare

La società si tira fuori da ogni responsabilità per l'addio di Dries Mertens. Il presidente Aurelio De Laurentiis, era andato a trovarlo a casa sua per convincerlo a restare, secondo quanto sostenuto dallo stesso patron azzurro. Poi, la confessione ad un tifoso.

"Mertens? Gli ho offerto prima 1,8 milioni, poi 2, poi 2,4 ma lui ha rifiutato".

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ad un tifoso

Spalletti sul mancato rinnovo di Mertens con il Napoli calcio

Messa così, non è stata volontà né del calciatore, né del presidente.

E l'allenatore?
Dopo le ultime voci che volevano come responsabile numero uno proprio Luciano Spalletti, a dissipare ogni polemica ci ha pensato proprio il tecnico di Certaldo.

"Chiariamo: non sono stato io, non è stato il club a non volerlo con noi. Mertens avrebbe potuto darci una grande mano. Ma la società gli ha fatto una proposta e lui non ha accettato. Mi tengo fuori da queste dinamiche, ed è giusto così. 

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, al Corriere della Sera

Un rimbalzo di responsabilità che non risolve la matassa, di certo c'è che la città di Napoli ha perso un giocatore ad essa molto legato.

Fonte foto: Instagram ufficiale Mertens
Cerchi qualcosa in particolare?

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram