False multe a Napoli, come riconoscerle e non pagarle

Pubblicato 
giovedì, 08/12/2022
Di
Andrea Navarro
Falso verbale emesso a Napoli, una nuova truffa

Una nuova ondata di truffe sta colpendo la città partenopea, questa volta con un “vecchio metodo“, le finte multe comodamente pagabili tramite IBAN.

La truffa funziona perché il cittadino, non ipotizzando la truffa, paga subito essendo il bonifico un metodo veloce ed immediato. Questo nuovo inganno si è così diffuso in questi giorni che addirittura il Comune di Napoli è dovuto intervenire con una nota ufficiale. Tramite segnalazione del Servizio Gestione Sanzioni Amministrative, infatti, si è venuti a conoscenza della produzione di multe contraffatte da parte di ignoti.

Si tratta in molti casi di mere fotocopie in cui viene invitato il “trasgressore” a procedere al pagamento tramite bonifico, questi i dati del falso verbale:

IBAN COMUNE DI NAPOLI – IT03W0760103400001033919109

Come riconoscer le false multe

Ad un’occhiata più attenta è già facile notare come qualcosa non quadri, in alcuni casi si tratta addirittura di fotocopie, risulta ovvio immaginare che il Comune di Napoli non procederà mai ad emettere verbali tramite fotocopie.

In altri casi la multa è più realistica, ma è sufficiente analizzare i metodi di pagamento: se c’è solo l’iban allora trattasi di truffa in quanto i verbali possono sempre esser pagati con più metodi, tra questi anche tramite l’app IO.

Ricordiamo l’IBAN dei falsi verbali: IT03W0760103400001033919109

Come funziona la truffa? L’intestatario dell’IBAN non corrisponde ed è possibile risalirvi

In realtà non è così, l’IBAN può essere intestato ad un prestanome, purtroppo è una pratica molto comune nelle truffe. Si danno dei soldi ad un clochard in cambio della sua identità.

Da qualche anno, inoltre, l’intestatario non è più vincolante per i pagamenti tramite bonifico, pertanto anche se l’intestatario è errato il bonifico procederà ugualmente.

Le critiche ai Napoletani: “una truffa che potevano inventare solo a Napoli”. È davvero così?

Ovviamente no, sono molteplici i casi di false multe emesse anche nel nord e centro Italia, questa volta è il solito pregiudizio a far emettere critiche così aspre verso i partenopei, come se essi stessi non fossero le prime vittime della truffa in questione.

Ad esempio nel 2020 a Segrate, che di certo non è un comune Campano, furono emesse finte multe con modalità molto simile, l’unica differenza era nel metodo di pagamento: con bollettino anziché bonifico.

,

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
[ajax_posts]
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram