Esame di maturità 2023: calendario, materie, voti e guida completa

Writing an exam at university

Si avvicina il tanto temuto Esame di Stato 2023 e i maturandi si preparano ad affrontare quello che rappresenta un passaggio fondamentale nel loro percorso formativo.
Quest’anno, si torna finalmente al classico esame ‘in presenza’, dopo un periodo di didattica a distanza e l’abolizione temporanea delle prove scritte.

Il calendario delle prove: prepararsi al meglio

Gli esami avranno inizio il 21 giugno, puntualmente alle 8:30, con la prova di italiano, comune a tutti gli istituti.
Gli studenti hanno a disposizione una gamma di scelte ampie, tra diverse tipologie e tematiche.

Più precisamente, il ministero propone sette tracce che spaziano tra diversi ambiti:

  • Artistico
  • Letterario
  • Storico
  • Filosofico
  • Scientifico
  • Tecnologico
  • Economico
  • Sociale

Gli studenti hanno sei ore per portare a termine la prova, mettendo alla prova le proprie abilità e competenze.

Successivamente, la seconda prova sarà dedicata alle materie caratteristiche di ciascun indirizzo di studio, che possono variare a seconda dell’istituto e del corso di studi.

Il colloquio orale: non solo conoscenza, ma competenze

Al termine delle prove scritte, si procede con il colloquio orale, una sessione di domande e risposte in cui la commissione avrà modo di valutare sia il profilo educativo, culturale e professionale del candidato, sia la capacità di collegare e integrare le conoscenze acquisite.

Regolamento delle prove: cosa è permesso e cosa no

Durante le prove scritte, l’uso di alcuni strumenti è severamente vietato:

  • Cellulari
  • Smartphone
  • Smartwatch
  • Dispositivi in grado di consultare file o inviare fotografie e immagini
  • I-pad e simili
  • Apparecchiature a luce infrarossa o ultravioletta

L’unico strumento consentito è la calcolatrice scientifica e/o grafica.
Il mancato rispetto di queste regole comporta l’esclusione da tutte le prove d’esame.

Punteggio finale: come si calcola

Il voto finale dell’Esame di Stato si calcola in base a diverse componenti:

  • Credito scolastico (max 40 punti)
  • Primo scritto (max 20 punti)
  • Secondo scritto (max 20 punti)
  • Colloquio (max 20 punti)

È prevista, inoltre, l’assegnazione di un “bonus” di 5 punti per coloro che hanno diritto. La somma di tutti questi punti determina il voto finale dell’esame, con un massimo di 100 punti e la possibilità di ottenere la lode.

Per superare l’esame, invece, è necessario raggiungere almeno 60 punti.

Seguici su Telegram
Scritto da Gennaro Marchesi
Parliamo di:
Potrebbero interessarti