Blocco del traffico a Napoli dal 6 ottobre 2021 al 31 marzo 2022

Pubblicato 
giovedì, 30/09/2021
Di
Fabiana Bianchi
Auto nel traffico

Arriva un nuovo blocco del traffico a Napoli, per combattere l'inquinamento e ridurre la quantità di PM nell'aria e partirà da mercoledì 6 ottobre 2021 fino al 31 marzo 2022.

Questo post in breve

Cosa prevede il dispositivo di traffico

  • al 6 ottobre 2021 e fino a nuova disposizionedal lunedì al venerdì e dalle ore 8:30 alle ore 18:30, è vietata la circolazione delle autovetture e dei veicoli commerciali Euro 0 ed Euro 1, comprese quelle classificate come “auto d'epoca” e/o “storica”;
  • dal 6 ottobre al 31 marzo 2022, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 18:30, è vietata la circolazione delle categorie seguenti:
    • autovetture esclusivamente ad alimentazione diesel e veicoli commerciali ad alimentazione esclusivamente diesel di categorie N1, N2 e N3 inferiori o uguali ad Euro 4; 
    • motoveicoli e ciclomotori di categoria inferiore o uguale ad Euro 2.

Tabella dei veicoli che non possono circolare

VeicoliAlimentazioneEuro
Autovetture N1, N2, N3DieselEuro 4 o inferiori
Veicoli commerciali N1, N2, N3DieselEuro 4 o inferiori
Autovetture (auto, minivan e pulmini) e veicoli commercialiBenzina e DieselEuro 1 o inferiori
Autoveicoli d'epoca e/o storiciBenzina e DieselEuro 1 o inferiori
Motoveicoli e ciclomotori (moto e scooter)BenzinaEuro 2 o inferiori

Le deroghe al blocco del traffico

Non vale il blocco nei seguenti casi:

  • nel percorso autostradale e nei tratti che ricadono nel territorio del comune di Napoli: tangenziale di Napoli, raccordo A1 Napoli-Roma e A3 Napoli-Salerno, strada regionale ex SS n. 162, raccordo viale Fulco di Calabria;
  • nelle giornate festive e prefestive;
  • per gli autoveicoli che trasportano diversamente abili con regolare tesserino;
  • per i veicoli di servizio delle Forze dell'Ordine, del servizio autonomo Polizia locale del Comune di Napoli, della Protezione Civile, dei militari, dell'amministrazione della Giustizia con regolare permesso;
  • per i veicoli di Enti pubblici, società ed aziende erogatrici di pubblici servizi, di quelli in chiamata di emergenza o adibiti al trasporto di materiale e/o personale per eseguire di lavori ed opere urgenti e di pubblica utilità;
  • per gli autoveicoli, i motoveicoli ed i ciclomotori con a bordo un medico in visita domiciliare per chiamate d’urgenza
  • per i veicoli che trasportano operatori del settore informazione giornalistica e radiotelevisiva e fotografi professionisti;
  • per gli autoveicoli che trasportano persone con malattie gravi che necessitano di trattamenti terapeutici sistematici e periodici con certificazione sanitaria;
  • per gli autoveicoli, i motoveicoli ed i ciclomotori che trasportano gas terapeutici o medicinali;
  • per gli autoveicoli ed i bus delle aziende di trasporto pubblico, i taxi ed i bus turistici;
  • per gli autoveicoli a noleggio di portata inferiore a 3,5 tonnellate, motoveicoli e ciclomotori a noleggio e autoveicoli delle autoscuole per le esercitazioni e per gli esami di guida con la scritta “scuola guida”;
  • per i veicoli intestati a cittadini residenti in Regioni diverse dalla Campania che trasportano almeno un cittadino non residente in Campania;
  • per gli autoveicoli di portata inferiore a 3,5 tonnellate che trasportano medicinali e/o trasporto di materiale sanitario di uso urgente e che trasportano valori;
  • per i veicoli di servizio dei Consoli di carriera e dei Consoli onorari con targa/contrassegno di riconoscimento;
  • per i veicoli di chi è domiciliato nel comune di Napoli in un’unità immobiliare che è stata oggetto, a partire dall’anno 2016, di un intervento di efficientamento energetico del fabbricato e/o degli impianti di climatizzazione (anche se si tratta di un'unità inserita in un condominio per cui si sono stati fatti interventi sulle parti comuni), accedendo alle forme di incentivazione e contributo previsti dalla normativa (ristrutturazioni edilizie – bonus casa, riqualificazione energetica – ecobonus, conto termico) come attestato da questi documenti:
    • se è un intervento di competenza dell'ENEA (ecobonus, bonus casa etc), può mostrare la dichiarazione/asseverazione/scheda descrittiva degli interventi realizzati con il Codice Personale Identificativo (CPID) e la ricevuta informatica dell'avvenuto invio all'ENEA;
    • in caso di detrazioni del “bonus casa” per interventi fatti nelle annualità 2016 e 2017, deve produrre dichiarazione redatta ai sensi del D.P.R. 445/2000 accompagnata da copia della documentazione presentata all’Agenzia delle Entrate dalla quale si evinca l’accesso all’agevolazione;
    • se è un intervento di competenza del GSE (conto termico), il soggetto potrà esibire copia dell’istanza caricata sul portale preposto dal GSE “il Portaltermico” e la lettera di ammissione del GSE.
Cerchi qualcosa in particolare?

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram