ANM a Napoli, cassa integrazione per 569 dipendenti: l'accordo con i sindacati

Pubblicato 
mercoledì, 08/04/2020
Di
Fabiana Bianchi
Bus ANM

Centinaia di dipendenti ANM a Napoli in cassa integrazione a causa della riduzione del servizio per l'emergenza Coronavirus. Ecco l'accordo con i sindacati.

L'ANM, l'Azienda Napoletana Mobilità, ha concluso un accordo con i sindacati che prevede la cassa integrazione per 569 dipendenti a Napoli.

La motivazione è la forte riduzione del servizio di trasporto pubblico dovuta all'emergenza Coronavirus per cui molte meno persone, essendo obbligate a stare in casa, utilizzano i mezzi di trasporto. Tra i decreti del Presidente del Consiglio e le ordinanze regionali, le restrizioni per favorire l'isolamento sociale sono molto severe.

Ecco perché l'azienda ha dovuto apportare delle modifiche al servizio, rimodulandolo.

La riduzione del servizio ANM e il calo dei ricavi

In queste settimane c'è stato un calo dei passeggeri di circa il 90% che ha provocato un forte calo dei ricavi. Calo stimato a circa 4 milioni di euro al mese per marzo, aprile e maggio.

La cassa integrazione: l'accordo con i sindacati

Per queste motivazioni, ANM si è mostrata disponibile a contrattare la cassa integrazione con le rappresentanze sindacali, anche se il tavolo di confronto non era obbligatorio.

Un tavolo durato circa 11 ore e conclusosi con l'accordo con Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Fna, Faisa Cisal.

Tale accordo prevede la riduzione dell’attività lavorativa in una misura media del 47% circa del monte ore lavorate. Ogni reparto subirà un impatto diverso, anche in base alle figure professionali presenti. In questo modo, 569 lavoratori vedono ridursi l'attività lavorativa per circa 9 settimane e saranno sostenuti dall'ANM che anticiperà le cifre della cassa integrazione.

Inoltre, verranno considerate anche le ferie, le ex festività, i permessi per la L.104, i congedi parentali del DL Cura Italia, che sostituiscono le ore e giornate in programmazione oggetto di riduzione e si procederà il prima possibile ad attivare le domande all'INPS per accedere alle prestazioni del Fondo Bilaterale tramite l’assegno ordinario richiesto per il periodo dal 6 aprile fino ad un massimo di 9 settimane.

Le misure straordinarie

Sempre secondo quanto previsto dall'accordo, ANM e sindacati si impegnano a condurre azioni per ottenere misure straordinarie compensative da parte delle istituzioni. Lo scopo è quello di compensare le perdite dei ricavi che si stanno subendo.

Cerchi qualcosa in particolare?
,

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram