Nicola Cosentino: confermata ordinanza per corruzione

Pubblicato 
sabato, 08/12/2012
Di
Fabiana Bianchi

Nicola Cosentino, l'ormai noto deputato del Pdl ed ex sottosegretario, più volte al centro di vicende giudiziarie, si è visto confermare da parte del Tribunale del riesame di Napoli, un'ordinanza di custodia cautelare. L'accusa è di corruzione aggravata da finalità mafiose ed il reato gli è stato contestato, tempo addietro,  dai pm Antonello Ardituro e Henry John Woodcock nell'ambito dell'inchiesta dal nome "Il principe e la scheda ballerina".

"Il principe" è il nome di un centro commerciale che si sarebbe dovuto costruire nel casertano nell'ambito di un progetto per il quale lo stesso Cosentino è stato rinviato a giudizio, durante le settimane passate, per riutilizzo di capitali aggravato da finalità mafiose. La Cassazione ha rilevato tali elementi sempre nell'ambito dell'inchiesta di cui il deputato è protagonista.

cosentino accusato di corruzione

Inizialmente la misura cautelare era stata annullata con rinvio dalla Cassazione stessa, ma il l'udienza per il riesame si è svolta ad ottobre e ieri è arrivato il deposito dell'ordinanza.

Cosentino è difeso dagli avvocati Stefano Montone e Agostino De Caro che hanno fatto sì che fosse prosciolto dall'accusa di falso e  sono riusciti a far prescrivere l'ipotesi di violazione della normativa bancaria.
In ogni caso, il processo inizierà il 23 gennaio alla I sezione penale di Santa Maria Capua Vetere, dove Cosentino è già a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa.

Cerchi qualcosa in particolare?
,

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram