Chiudono le librerie universitarie contro i libri fotocopiati | Editoriale

Pubblicato 
lunedì, 11/02/2013
Di
matteo.morreale

Napoli – Chiudono le serrande le librerie universitarie di Via Mezzocannone e della zona universitaria, per protestare contro il fenomeno delle fotocopie illegali di testi e libri universitari.

Dalle 14 alle 19:30 tutto sbarrato per «sensibilizzare l’opinione pubblica». Fenomeno che andrebbe, secondo Paolo Pisanti, coordinatore regionale e membro del Comitato di Presidenza nazionale dell’ALI Confcommercio, ad alimentare le casse della malavita organizzata.

«Siamo stanchi di assistere passivamente alle sempre più frequenti chiusure di librerie che dovrebbero essere tutelate, in quanto patrimonio culturale del Centro Storico di Napoli. Bisogna intervenire applicando la legge»

L’impressione è che non ci sia da scomodare la malavita organizzata, ma al più qualche centro-fotocopie poco ligio al rispetto della legge sul Copyright, francamente.

Vien, inoltre, da pensare anche che se non avessero un costo a 3 cifre, e vi fossero più disponibilità nelle biblioteche, forse gli studenti smetterebbero di fotocopiare i tanto acclamati volumi.

Ma magari è solo un’opinione personale.

libri

Cerchi qualcosa in particolare?
,

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
[ajax_posts]
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram