Alex Schwazer ha sputato veleno sui napoletani

Pubblicato 
mercoledì, 19/06/2013
Di
Nadia Napolitano

Alex Schwazer

Alex Schwazer ha messo in cattiva luce i napoletani due giorni prima di risultare positivo al test antidoping a sorpresa.

Alex Schwazer ha ingiuriato Napoli e tutti i suoi abitanti pronunziando una frase che che osare definire imbarazzante è un eufemismo. Il giorno 28 giugno 2012 in una email inviata a Pierluigi Fiorella, medico della Fidal, l'atleta spergiurava di non aver compiuto nulla di illegale, dando la sua parola, e ricordando di essere altoatesino, e non napoletano.

Il marciatore si esprimeva in questi termini, ricoprendo di vergogna il popolo partenopeo, a soli due giorni dallo scandalo che lo coinvolse dalla testa ai piedi. Un test a sorpresa della Wada, difatti, lo smascherava oltre ogni ragionevole dubbio, rivelando al mondo la sua positività all'assunzione dell'Epo.

Alex Schwazer doping

In uno stralcio del decreto di perquisizione della Procura di Bolzano pubblicato sulle pagine del Sole 24 ore si apprende della possibilità che Alex Schwazer fosse sotto effetto doping da molto prima. Nei primi anni di attività, ovvero dal periodo che va da agosto 2005 a settembre 2007, l'atleta presentava valori ematici molti più bassi rispetto a quelli registrati successivamente

Non è escluso, dunque, che il ragazzo già durante la preparazione dei Giochi Olimpici di Pechino 2008 si sottoponesse a trattamenti farmacologici in grado di alterare i suoi valori ematici. A voi le dovute conclusioni.

Cerchi qualcosa in particolare?

Iscriviti alla Newsletter

* obbligatorio

Per favore, seleziona i campi di abilitazione per i quali vorresti avere notizie:

È possibile annullare l'iscrizione in qualsiasi momento cliccando il link nel piè di pagina delle nostre e-mail. Per informazioni sulle nostre pratiche di privacy, si prega di visitare il nostro sito web.

Usiamo Mailchimp come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per iscriverti, riconosci che le tue informazioni saranno trasferite a Mailchimp per l'elaborazione.Scopri di più sulla privacy di Mailchimp qui.

Lavora con noi
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram