Chiusa la superstrada della morte: tutor e autovelox a Somma Vesuviana

Feb 2013

Dopo il tragico incidente avvenuto la settimana scorsa sulla SS268, presso Somma Vesuviana, la Procura di Nola ha disposto la chiusura del tratto di strada fino a scadenza da definirsi. Il tempo minimo di chiusura è, però, di 2 mesi.
Dopo l’ennesima notizia drammatica, quella della morte di due ragazzi, si è deciso di effettuare analisi più approfondite sulla sicurezza della statale. Si verificheranno principalmente segnaletica e cantieri per capire se quella tragedia poteva essere evitata.

Ieri il viceprefetto di Napoli Vincenzo De Vivo è stato a capo dell’incontro convocato su richiesta dei sindaci a seguito dell’incidente. All’ordine del giorno vi era proprio la sicurezza della SS 268 ed erano presenti anche i responsabili Anas, polizia stradale, carabinieri e polizia municipale dei comuni interessati. Le prime misure urgenti e necessarie hanno riguardato l’installazione della segnaletica luminosa orizzontale e verticale, gli autovelox e i tutor.

chiusa SS268 con tutor e autovelox

La chiusura di quel tratto sta già provocando le prime conseguenze negative per i paesi limitrofi a causa del traffico intenso che sta bloccando le strade. Eppure, si tratta di un provvedimento necessario perchè, secondo quanto affermato dal sindaco di Somma Vesuviana, Raffaele Allocca:

Solo dopo aver predisposto misure di sicurezza, e compiuto le dovute verifiche sulle responsabilità  si potrà chiedere il dissequestro di quel tratto, sperando che nel frattempo si faccia luce sui tempi certi di ripresa dei lavori e si risolva la querelle in corso tra Anas e ditta appaltatrice che sta complicando l’avanzamento dell’opera con conseguenze a dir poco funeste per i nostri territori, non so perché al tavolo non ci fossero rappresentanti della ditta ma credo sia un errore