Tangenziale Napoli, nuovi aumenti dal 1 gennaio 2013

Dic 2012

La tangenziale di Napoli potrebbe subire un ulteriore aumento a partire dal 1 gennaio 2013. E’ stata effettuata richiesta formale all’Anas per l’autorizzazione a ritoccare le attuali tariffe previste allo scopo di fare fronte agli investimenti presenti e futuri.

La decisione finale verrà presa soltanto nelle prossime ore dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. L’eventuale rincaro sarà di 5 centesimi, passando quindi dagli attuali 90 a 95 cent.

Le polemiche, com’era prevedibile, non hanno tardato ad arrivare:

Sembra incredibile, se il ministero competente darà l’ok, come è sempre avvenuto tutti gli anni precedenti fino ad oggi, il rincaro complessivo dal 2006 al 2013 sarà addirittura del 52 per cento (da 65 a 95 centesimi) negli ultimi 7 anni. Un record senza precedenti e senza nessun riferimento all’inflazione, programmata e non. Tra l’altro la tangenziale di Napoli è l’unico asse viario interno ad una città in Europa che è a pagamento” – queste le parole di condanna di Francesco Borrelli, commissario regionale dei Verdi Ecologisti e del capogruppo del partito al Comune di Napoli Carmine Attanasio.

I Verdi sono sembrati determinati a farsi sentire con una raccolta firme che pare quasi un atto dovuto: “Dobbiamo chiedere al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di scongiurare un’ulteriore batosta che colpirebbe indiscriminatamente automobilisti e ciclomotori.

Ci risulta che, sempre dal primo gennaio 2013, siano previsti aumenti medi di 10 centesimi dei pedaggi di tutte le tratte autostradali campane. Tali rincari non hanno alcuna ragione o spiegazione se non quella di far crescere i profitti dei soci.

Tangenziale Napoli aumenti

Per l’ennesima volta ci opporremo a questi scandalosi aumenti rivolgendoci all’Unione europea allo scopo di segnalare la drammatica privazione del diritto alla mobilità per i cittadini napoletani e campani stretti tra il collasso del trasporto pubblico, il costo stellare della benzina e i pedaggi salatissimi e ingiustificati“. Voi dite saranno ascoltati?


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi