Svolta nell'inchiesta per peculato nel consiglio della Regione Campania

Gen 2013

Nuova svolta nell’inchiesta della Procura di Napoli sull’utilizzo dei fondi pubblici ai partiti del consiglio Regionale della Campania: coinvolti, ora, anche Angelo Polverino (in lista per una candidatura al parlamento e coordinatore vicario del PDL Caserta) e Nicola Caputo (candidato alla Camera per il collegio Campania 2 e vicepresidente del gruppo PD nel consiglio regionale campano).

peculato-regione-campania

Accusati di truffa e peculato nell’ambito dell’inchiesta sui rimborsi elettorali nel consiglio regionale, sono stati notificati loro avvisi di garanzia e disposte perquisizioni.

L’inchiesta aveva già portato all’arresto di Massimo Ianniciello (consigliere PDL),  nel mese di dicembre, con l’accusa di essersi appropriato di 64.000€ di fondi destinati alla comunicazione politica senza aver realizzato alcuna attività con tal fine, costringendo alcune aziende all’emissione di fatture false.

L’ipotesi del PM Giancarlo Novelli, con il coordinamento del procuratore aggiunto Francesco Greco, è che questa modalità non fosse nuova a molti altri consiglieri della Regione che pertanto ha passato al setaccio numerose altre fatture potenzialmente false di altre aziende compiacenti portando alla luce numerosi altri utilizzi indebiti dei fondi pubblici, analisi che ha portato da qui al coinvolgimento del Polverino e del Caputo.

Attualmente ancora in corso le perquisizioni in numerose aziende.


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi