Ricetta Pizza Fritta | Rubrica – Cucinare alla Napoletana

Giu 2013

montanare-ricetta-cucinare-napoletana

Quanti di voi hanno provato a preparare le pizze fritte senza successo?  Ecco a voi i consigli per realizzare nel più semplice dei modi le vostre pizze fritte napoletane fatte in casa!

Oggi la sfida della nostra rubrica Cucinare alla Napoletana è alquanto ardua in quanto proveremo a descrivervi nella maniera più semplice possibile come realizzare le pizze fritte napoletane in casa.

Tanti di voi avranno già provato a realizzare l’impasto in casa, ma è non sempre facile rispettare alla lettera la tradizione dell’impasto lievitato per la pizza fritta napoletana.

La pizza fritta può essere gustata al “naturale”, o ancor meglio farcita con i più svariati ingredienti quali in particolare la ricotta di bufala, i cicoli, il prosciutto cotto, il salame e chi più ne ha più ne metta, oppure può essere ricoperta di sugo al pomodoro con un’abbondante spolverata di parmigiano e una profumata foglia di basilico fresco.

montanara

In ogni caso sarà una bontà che esalterà al meglio il sapore inconfondibile dell’impasto per pizza!

Ma vediamo gli ingredienti base della pizza!

Ingredienti

  • Farina
  • Acqua
  • Lievito
  • Sale
  • Olio extravergine d’oliva
  • Per pizze ripiene:
  • insaccati a piacere
  • ricotta (fresca, bufala)

Per montanare:

  • sugo di pomodoro
  • parmigiano
  • basilico

Procedimento

Nella preparazione dell’impasto dovrete utilizzare una proporzione di 1 per l’acqua tiepida e di 2 per la farina. Ad esempio, 1/2 lt d’acqua per 1 kg circa di farina.

Il sale dovrà essere dosato in base all’acqua. In questo caso per mezzo litro d’acqua basteranno 25/30 grammi.

Non utilizzate il lievito in polvere, ma il panetto che trovare nel reparto frigo. Considerate le attuali temperature, un mezzo panetto andrà più che bene. Questo andrà sciolto nell’acqua tiepida che impiegherete per lavorare la farina. Una volta terminata l’acqua, lavorate l’impasto per almeno 10 minuti.

L’impasto va tenuto in un luogo asciutto per un paio d’ore o anche meno, considerato il caldo, e comunque finché non sarà raddoppiato il suo volume.

Dividete l’impasto in tante parti uguali. Nel caso delle pizze ripiene create delle circonferenze, farcitele e richiudetele bene a mezza luna.

Friggete le pizze in bollente olio extravergine d’oliva (180°) di buona qualità.

Una volta gonfiate e ben dorate ponetele su carta assorbente e gustatele ancora calde!

 


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi