HomeCronacaCronaca BiancaPiazza Carlo III a Napoli: aperti i giardini in attesa del rilancio dell’Albergo dei Poveri

Piazza Carlo III a Napoli: aperti i giardini in attesa del rilancio dell’Albergo dei Poveri

Aperti i giardini in Piazza Carlo III

I giardini di Piazza Carlo III a Napoli sono stati riaperti ed il prossimo passo sarà la riqualificazione del Real Albergo dei Poveri.

Dopo circa un anno di lavori, i giardinetti di Piazza Carlo III sono stati riqualificati e, durante il periodo delle festività natalizie, sono stati anche inaugurati dal sindaco Luigi de Magistris. È stata costruita la pavimentazione antiscivolo e sono state state piazzate panchine comode e di colore verde, per restare in tema con l’Orto Botanico presente in via Foria, non lontano dalla Piazza.

Inoltre, l’assessore alla cultura Giovanni Parisi ha dichiarato che saranno organizzati anche degli eventi per rilanciare l’area di Piazza Carlo III. Infine, in futuro è prevista la realizzazione della linea 10 della metropolitana che collegherebbe Piazza Cavour a via Foria, Piazza Carlo III, Piazza Ottocalli ed arriverebbe alla Tav di Afragola passando per Capodichino, Casavatore e Casoria.

Il Real Albergo dei Poveri

La riqualificazione dei giardini è solo uno dei tanti passi che porteranno anche al rifacimento della pavimentazione dell’area e di importanti lavori che dovranno interessare il Real Albergo dei Poveri. I costi per il suo rilancio, però, sono davvero altissimi e sarà necessario anche il coinvolgimento delle istituzioni nazionali. Intanto, il sindaco ha dichiarato che già nel 2017 ci saranno importanti novità e l’intenzione è quella di far sì che diventi presto un centro di accoglienza diurna per i senzatetto.

Intanto, la Giunta Comunale ha approvato una delibera per realizzare uno spazio docce nella struttura, nell’ambito del progetto “Restituire la dignità” del Rotary Club Napoli Nord Est, fatto in convenzione con l’Amministrazione. Si vuole, così, riqualificare l’ala nord-est dell’Albergo e nel progetto sono previsti anche un deposito, una lavanderia, due aree per i servizi divisi per uomini e donne con 6 wc, 6 lavabi e 6 piatti doccia ed un servizio per disabili