Napoli, flashmob contro il rincaro dei biglietti EAV

Gen 2015

Un treno della cumana di Napoli

I napoletani hanno organizzato un flashmob di protesta contro l’azienda dei trasporti Eav a Piazza Dante

La precarietà dei servizi di trasporto pubblico è per Napoli una piaga mai guarita. I mezzi pubblici in circolazione sono quasi tutti da rottamare, non sono sufficienti per la grande affluenza di pendolari che li usano e non garantiscono un servizio continuo e regolare.

Ma nonostante questi disservizi, il prezzo dei biglietti è ulteriormente rincarato. Per questo i napoletani hanno organizzato un flashmob di protesta contro l’azienda EAV (Ente Autonomo Volturno) a Piazza Dante per sabato 16 gennaio 2015. Sarà l’occasione per chiedere soprattutto più corse, più treni e meno attese in particolare per la Cumana, la  Circumflegrea e la Circumvesuviana che collegano Napoli con l’entroterra campano.

Per partecipare basterà recarsi in piazza alle ore 10 muniti di biglietto, che sarà innalzato in segno di  protesta nel momento clou della manifestazione. Ci sarà anche una raccolta firme contro il presidente dell’EAV, Sergio Vetrella, che è stato invitato a partecipare all’evento per rispondere in prima persona alle domande poste durante la diretta radiofonica del programma Radiazza di Radio Marte.

Informazioni sul flashmob contro l’EAV

Dove: Piazza Dante
Quando: il 16 gennaio 2015
Orario: dalle 10.00 alle 13.00


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi