Eavbus e Anm: trasporti fermi e città paralizzata

Dic 2012

Peggiora sempre più la questione dei trasporti a Napoli. Dopo la giornata da incubo di ieri  oggi si replica. I trasporti partenopei sono rimasti completamente bloccati e i cittadini hanno subito gravissimi disagi. La causa deriva dalle proteste dei dipendenti di Anm che, già da ieri, hanno decretato lo stop dei mezzi in quanto timorosi di non ricevere le prossime tredicesime. Anche in passato, gli scioperi avevano alla base la mancata corresponsione degli stipendi.

Circa il 90% dei dipendenti ha spontaneamente aderito alla protesta e tutti i depositi di Cavalleggeri, Via delle Puglie e Carlo III risultano chiusa. Solamente una decina di mezzi sono partiti per tentare di garantire il servizio minimo. Alfonso Tricinelli della Faisa Cisal ha dichiarato che “vogliamo garanzie sul futuro dell’Anm non ci bastano le promesse vogliamo i fatti. Fino a quando il Comune non convocherà tutte le organizzazioni sindacali noi andremo avanti”.

 

Gli automezzi non sono stati portati in strada per questioni di mancanza di sicurezza. Almeno questa è la motivazione dei conducenti; motivazione utilizzata anche in altre occasioni di protesta.
Come se non bastasse, questa mattina sono stati anche occupati i binari che vanno dalla stazione Gianturco a quella di Piazza Garibaldi. L’operazione è stata messa in atto dai disoccupati Bros, mentre alcuni dipendenti della Eavbus hanno bloccato, per poi liberare, l’ingresso della tangenziale all’altezza di Fuorigrotta.

trasporti bloccati

A tutto ciò ha risposto il sindaco De Magistris, con molta rabbia:

“Una protesta ingiustificata perché le tredicesime vengono pagate. C’é qualcuno che butta benzina sul fuoco e questo non è per il bene di Napoli. Verificheremo chi è e se qualcuno fa il furbo la pagherà. I lavoratori dell’Anm sappiano che stiamo facendo i salti mortali per garantire gli stipendi e non licenziare nessuno. Quello che è avvenuto oggi danneggia solo loro stessi e rischia di compromettere il lavoro che stiamo facendo”

 

Fonte foto copertina: ilmattino.it


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi