La Comunità Ebraica di Napoli – 150 anni di Storia in mostra all’Archivio di Stato

Gen 2015

Sala dell'Archivio di Stato di Napoli

La storia della Comunità Ebraica di Napoli in mostra all’Archivio di Stato attraverso fotografie e documenti d’epoca

Nella Sala Filangieri dell’Archivio di Stato è stata allestita la mostra “La Comunità Ebraica di Napoli, 1864/2014: 150 anni di storia”, visitabile già dal 14 gennaio scorso e che sarà aperta fino al 28 febbraio 2015.

L’esposizione è stata sistemata negli spazi del Chiostro del Platano e ripropone la stessa mostra proposta nel novembre scorso al Museo Nazionale, ma ampliata e riveduta.

Verrà narrata la storia della Comunità Ebraica partenopea degli ultimi 150 anni attraverso le vicende di personaggi illustri, come i banchieri tedeschi Rothschild, e con il supporto di fotografie, documenti, testi ed oggetti liturgici.
Una storia interessante da conoscere, anche perchè la comunità ebraica di Napoli è la più meridionale della penisola, essendo l’unica che si trova a sud di quella di Roma.

La storia della famiglia Rothschild, in particolare, è ampiamente trattata in quanto i banchieri tedeschi hanno avuto un ruolo fondamentale nella rinascita comunitaria in città. Sono stati i primi a fittare gli spazi dove attualmente vi è la Sinagoga ed in mostra vi sono le lettere scambiate tra i fratelli James e Carl con il Regno delle Due Sicilie, corrispondenza che rivela l’accordo di prestito deciso con i monarchi. Inoltre, sono esposte le carte ed i prospetti relativi alla loro banca aperta nella zona di Chiaia, dove oggi c’è la Villa Pignatelli.

Ma l’esposizione ci farà conoscere anche la vita e gli affari di importanti imprenditori e rabbini, come il Rabbino Kahn, il primo a studiare il ruolo degli ebrei a Pompei e tra i Romani, e l’imprenditore Giorgio Ascarelli, fondatore del Calcio Napoli.

Una delle sezioni più interessanti ed emozionanti è quella dedicata alle leggi razziali, in cui verrà raccontata soprattutto la storia della famiglia Procaccia, fuggita da Napoli verso Lucca e da lì deportata nel campo di sterminio di Auschwitz. Saranno anche esposti documenti sulla rinascita del dopoguerra, tramite le vicende e le testimonianze di personaggi illustri, come il Cardinale Ursi, il primo Uomo di Chiesa a visitare una Sinagoga nel 1966.

La mostra è stata organizzata con l’adesione del Presidente della Repubblica, il patrocinio della Regione Campania, dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e della Fondazione Beni Culturali Ebraici. Rientra tra gli eventi per la Giornata della Memoria 2015 a Napoli.

Informazioni sulla Mostra sulla Comunità Ebraica a Napoli

Quando: dal 14 gennaio al 28 febbraio 2015
Dove: Chiostro del Platano, Archivio di Stato di Napoli, piazzetta Grande Archivio 5
Orari: il lunedì e il giovedì alle 9.30 e alle 11.30
Prezzo: ingresso gratuito
Info: visite guidate alla mostra su prenotazione tel. 0815638256, e-mail: as-na@beniculturali.it
Per le scuole 0817643480 – napoliebraica@gmail.com


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi