Città della Scienza: pizza di Sorbillo per finanziare rinascita

Mar 2013

Si moltiplicano giorno dopo giorno le iniziative per contribuire alla ricostruzione di Città della Scienza, rasa quasi completamente al suolo a causa di un incendio doloso pochissimi giorni fa. La cittadinanza non si è data per vinta e subito si è attivata per trovare quanti più modi possibili per finanziare la rinascita del sito o anche solo essere solidali con i dipendenti e l’intera città.

Non è stato da meno il famosissimo Gino Sorbillo, proprietario di una delle pizzerie più note della città. Così come ha più volte fatto in passato, anche questa volta ha dedicato una delle proprie pizze personalizzate al drammatico evento di questa settimana. L’ultima volta, creò una pizza per dare gli auguri di rinnovato mandato al Presidente Obama.

Il suo intervento non è di poco conto, considerato che pochi mesi fa anche la sua Pizzeria ha subito un incendio che l’ha praticamente distrutta. In pochissimi giorni tutto è stato ricostruito, grazie alla dignità e alla volontà dello staff. Ecco che, quindi, con profondo spirito di solidarietà, è stata creata la pizza in onore di Città della Scienza: acquistandola si contribuirà alla sua rinascita.

città della scienza pizza sorbillo

Sorbillo ha spiegato che:

“abbiamo realizzato la Pizza Città della Scienza per raccogliere fondi a favore della ricostruzione di questa importante realtà simbolo positivo di Napoli.Ogni cliente della pizzeria potrà ordinarla e così contribuire alla rinascita del sito

Non sono mancati i riferimenti all’articolo pubblicato ieri sul Foglio di Giuliano Ferrara in cui si denigrava il polo scientifico napoletano e in cui l’autore dichiarava che sarebbe dovuto bruciare già da tempo. Alcuni giovani di Napoli hanno deciso di bruciare la frase dell’articolo, non il giornale, trascritta su un foglio bianco. Uno dei ragazzi, Giuseppe Esposito, ha spiegato che

“non ci aspettiamo le scuse di Giuliano Ferrara ma che gradualmente scompaia dallo scenario politico e giornalistico italiano per inutilità e vergogna. Un uomo che ha sempre campato grazie ai fondi pubblici dovrebbe essere più rispettoso della sofferenza del popolo. L’ unica cosa che bisognerebbe bruciare subito è il suo grasso in eccesso”

 

Fonte foto: NapoliToday


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza d'uso. Navigando ne accetti l'uso. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi